Come fare i Reels su Instagram in 9 passi

0
70
Questo post è stato pubblicato qui
Instagram reels

In video veritas: l’ultima killer app di Instagram è Reels, la piattaforma video interna all’app che mima lo stile di TikTok. Rispetto alle altre funzioni di Instagram come le Stories, la Igtv e i post, i Reel hanno stile e regole proprie. L’editing, rispetto alle storie, per esempio, è più sofisticato: realismo da una parte, effetti speciali dall’altra. E molto contano i filtri, croce e delizia di tutti gli instagrammer. La buona notizia è che fare Reel non è affatto difficile, una volta che si è presa la mano. Ecco una mini-guida in 9 step che potrebbe esservi utile, col parere di alcuni esperti.

1. Come si accede a Reels?

Questo è facile: dall’homepage del nostro profilo, basta cliccare sul simbolo + in alto a sinistra. Il menù che si apre ci chiederà cosa vogliamo fare tra post, storia, storia in evidenza Igtv o Reels. La scelta giusta, ça va sans dire, è l’ultima.

2. Come funziona?

Cliccando su Reels, si attiva in automatico la videocamera dello smartphone. Occhio alle 5 icone a sinistra sullo schermo: sono tutto quello che ci serve per fare un reel.

Cliccando su durata, decidiamo se il nostro video sarà di 15 o 30 secondi. Su audio possiamo selezionare dalla libreria di Instagram il brano che ci farà da colonna sonora. La terza icona, velocità, ci permette di accelerare o rallentare la velocità del video. Possiamo modificarla per tutto il video o solo per alcuni clip. L’icona con la faccina sorridente di effetti è invece la porta d’accesso agli effetti speciali Ar da aggiungere al nostro filmato.

Ce ne sono tantissimi e possiamo sfogliarli uno via l’altro, accanto all’icona del pulsante record (in basso al centro). Poi c’è il timer: attivandolo avremo il tempo di metterci in posizione per il video, a mani libere. Infine allinea: una volta girato un clip, cliccando su questa icona, ne vedremo l’ultimo frame in sovrimpressione in modo da poterlo far coincidere col primo fotogramma del nuovo clip e creare una sorta di continuum tra due riprese fatte in momenti diversi. Per intenderci è il trucchetto che si usa nei video dove ci si cambia d’abito con uno schiocco di dita.

3. Gli effetti Ar

Sono davvero tanti e se ne aggiungono ogni giorno di nuovi, prodotti dagli stessi utenti: per scoprirli basta cliccare sull’icona a forma di lente di ingrandimento che si trova alla fine degli effetti già disponibili sul nostro telefono. Si va dai filtri che tolgono vent’anni al green screen che permette di modificare lo sfondo, proprio come fanno al cinema.

4. Quanti clip?

A noi la scelta se registrare un solo clip o più, usando diversi effetti per ogni clip. Possiamo anche ripescare un vecchio video dalla galleria dello smartphone e metterlo nel reel. Ma attenzione: il tempo a disposizione è sempre quello (15 o 30 secondi), non aumenta in base al numero di clip.

5. The director’s cut

Una volta girato un clip, se il risultato ci soddisfa, si passa a quello successivo. Altrimenti Instagram ci permette di fare dei tagli o cancellarlo. Quando il video è pronto c’è poi l’opzione di aggiungere adesivi, hashtag e testi, proprio come nelle stories.

6. Condividere i reel

Il nostro reel ora è pronto per la condivisione in Esplora, la grande bacheca di Instagram dove lo vedrà anche chi non ci conosce. I reel vengono proposti agli utenti del social in base ai loro interessi. Il trucco in questo caso è usare l’hashtag giusto. Instagram privilegia i video più “divertenti, creativi e spiritosi”. Possiamo anche scegliere di condividerlo nel feed, per mostrarlo ai nostri follower. Ma se vogliamo che il nostro video venga visto, dobbiamo condividerlo ovunque. “Anche nel feed e nelle storie”, spiega Renato Gioia, head of social di Marketers, la community di imprenditori digitali che conta più di 30 mila follower su Facebook. “È il modo più semplice per dare visibilità immediata a un nuovo reel. Non farlo rende molto più difficile trovarli”.

condividere reel

7. I reel funzionano?

Secondo Yari Brugnoni, fondatore di Ninjalitics, una delle app più usate dagli influencer per analizzare le performance su Instagram, la risposta è sì. “Quando pubblichiamo un post formato video su Instagram in genere riusciamo a raggiungere un numero di visualizzazioni di circa il 10% dei nostri follower. Ancora meno con video Igtv. Coi reel invece si riesce ad arrivare tra il 20 e il 30%. Per non parlare del numero di riproduzioni che normalmente raggiunge circa il 50% del numero di follower se non di più. Facciamo un esempio: se abbiamo 10.000 follower pubblicando un video normale otterremmo circa 1.000 views. Mentre pubblicando un reel otterremo circa 5.000 riproduzioni e 2.500 views in media”. Questo succede perché Instagram in questa fase punta molto su Reels, dunque ne agevola la produzione premiando i creator con molte visualizzazioni. “E poi il numero di Reels prodotti è ancora inferiore rispetto agli altri formati disponibili su Instagram, e dunque è più facile emergere”, continua Brugnoni, che suggerisce un trucco: “Le statistiche ci dicono che per far sì che tutto ciò accada il reel deve essere pubblicato anche sul nostro feed, altrimenti otterrà dei risultati inferiori”.

8. Come farsi notare su Reels?

Di video in giro ce ne sono un bel po’. Dunque per farsi notare, ci tocca essere creativi. “Primo: bisogna attirare l’attenzione di chi guarda”, suggerisce Renato Gioia. “Come? Mostrando qualcosa che le persone non si aspettano. Ciò che è al di fuori degli schemi genera i livelli di attenzione più alti e ci spinge a continuare a guardare. Poi è bene inserire degli elementi che spingano chi guarda a chiedersi come finirà il video. L’idea che stia per succedere qualcosa spingerà le persone a guardare il video fino alla fine. E questo è uno dei fattori più importanti per l’algoritmo di Instagram”. Altro consiglio di Gioia: “Creare un format che ci renda riconoscibili e tenga conto dei Reels che hanno funzionato di più. I nostri e quelli dei competitor. Soprattutto se usiamo Instagram per ragioni professionali è bene capire cosa le persone nel nostro settore apprezzano di più e plasmare i nostri nuovi contenuti a partire da lì”.

9. I suggerimenti di Instagram

Se non avete idea di che reel fare, lo staff di Instagram qualche tempo fa ha diramato alcuni suggerimenti tecnici, come: “Assicurati che la sorgente luminosa sia dietro la fotocamera e registra il video con una luce naturale se possibile”. O “Usa i colori per definire l’atmosfera dei tuoi video, rendendoli unici e inconfondibili. Gli effetti relativi all’illuminazione possono anche essere utili per sottolineare mood diversi in ogni clip”.

The post Come fare i Reels su Instagram in 9 passi appeared first on Wired.