Perché serro i denti? Le cause più probabili e i rimedi

0
110
Questo post è stato pubblicato qui

Perché serro i denti? E cosa posso fare per ridurre il problema? Se anche tu ti stai ponendo questa domanda, molto probabilmente ti sarà capitato di notare che durante il giorno o durante la notte tendi a serrare, stringere o digrignare i denti. Si tratta di un problema molto comune, noto con il nome di “bruxismo”. Ne soffrono moltissime persone, e generalmente la causa di questo disturbo va ricercata nello stress (ma non solo)! La buona notizia è che riuscire a smettere di serrare i denti è possibile.

Seguici per scoprire quali sono tutte le cause di questo fastidioso problema e i rimedi davvero efficaci!

Perché serro i denti? Le possibili cause del bruxismo

Al momento le esatte cause del bruxismo non sono state chiarite del tutto, ma esistono molte ipotesi in merito ai motivi che potrebbero portarci a serrare i denti. In primo luogo, molte persone si rendono conto che il problema diventa più evidente durante i periodi di tensione o stress. Normalmente il bruxismo è un problema notturno, ma alcune persone possono rendersi conto di serrare i denti anche durante il giorno, magari mentre lavorano al computer o mentre leggono un articolo.

Oltre allo stress, anche l’ansia può portarti a serrare i denti, così come i problemi emotivi e l’assunzione eccessiva di bevande alcoliche o di sostanze eccitanti (compresa la caffeina).

Gli esperti concordano inoltre nel ritenere che il bruxismo può essere causato anche da malattie neurologiche che comportano la comparsa di movimenti involontari, da condizioni come l’apnea ostruttiva del sonno e persino l’assunzione di alcuni tipi di farmaci, come ad esempio gli antidepressivi. In tal caso, prima di sospendere l’assunzione di tali farmaci parla con il medico.

Le conseguenze del bruxismo

Dopo aver scoperto quali sono le possibili cause del bruxismo, vediamo quali sono le conseguenze e i rimedi più adatti. Chi serra i denti potrebbe causare infatti dei danni notevoli che riguardano non solo i principali protagonisti del problema (i denti appunto), ma anche la mascella, le gengive, i muscoli della masticazione e l’articolazione temporomandibolare. Ma andiamo con ordine.

  • Digrignare i denti causa una maggiore usura e a un danneggiamento dello smalto. Cosa significa questo? Che i denti vengono danneggiati e che, nei casi più gravi, potrebbero andare incontro a piccole spaccature o addirittura a fratture causate dall’eccessiva pressione.
  • Chi soffre di bruxismo tenderà ad avvertire dolore ai muscoli masticatori, e persino al collo e alle spalle.
  • Potresti inoltre soffrire spesso di mal di testa al risveglio (questo rappresenta uno dei classici sintomi del bruxismo notturno).

Come smettere di stringere i denti?

Per finire, rispondiamo a una domanda che molti si staranno ponendo: Come smettere di serrare i denti? In primo luogo, parla del tuo problema con il dentista. Esaminando i denti e la mascella potrà aiutarti a capire se, in effetti, il disturbo è davvero dovuto al bruxismo. Dopodiché, qualora dovesse essere proprio questa la causa, potrebbe consigliare l’utilizzo di un bite, che permetterà di non sfregare i denti fra loro e, quindi, di non usurarli o danneggiarli.

Se il problema del digrignamento dovesse essere diurno, darà inoltre importante imparare a riconoscerlo. Se stai lavorando e ti rendi conto di aver serrato o stretto i denti fino a questo momento, prendi coscienza della situazione e rilassa la bocca, mantenendola chiusa e con i denti distanziati.

Probabilmente non lo sapevi, ma al mondo esistono persino delle app per il bruxismo, che ti aiuteranno a tenere sotto controllo il disturbo. Cerca nell’App store quella più adatta alle tue esigenze e scaricala sul tuo smartphone, per cominciare a migliorare la tua salute sin da subito!

Foto di Gerd Altmann da Pixabay
Foto di Robin Higgins da Pixabay
via | Bruxismo.eu