Uno dei più grandi mercati criminali del dark web è stato smantellato

0
24
Questo post è stato pubblicato qui
Pagina iniziale di DarkMarket sotto sequestro (immagine: Europol)

DarkMarket, uno dei più grandi mercati per traffici illeciti del dark web, è stato sequestrato e messo offline. L’Europol ha annunciato che l’operazione internazionale, a cui hanno partecipato le forze dell’ordine di Germania, Australia, Danimarca, Moldavia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti, con la collaborazione tecnica e il supporto operativo dell’agenzia europea che coopera sul fronte della lotta al crimine, ha portato anche all’individuazione e all’arresto da parte della polizia della città tedesca di Oldenburg di un cittadino di nazionalità australiana, ritenuto il coordinatore della piattaforma. L’uomo è stato fermato al confine tra Germania e Danimarca nel weekend.

Il sito contava oltre mezzo milione di utenti e più di 2mila venditori ed era considerato un porto sicuro per gli scambi criminali. Droghe, malware, dati di carte di credito rubate, codici di schede sim, tutto questo e molto altro era facilmente reperibile tra gli utenti che frequentavano la piattaforma. Le indagini stimano un volume di oltre 320mila transazioni e transazioni in bitcoin e monero (due criptovalute), per una somma complessiva equivalente a 140 milioni di euro.

L’Europol ha confiscato 20 server sparsi tra l’Ucraina e la Moldavia con l’aiuto della polizia federale tedesca. I dispositivi saranno analizzati per risalire all’identità di venditori, compratori e altre figure coinvolte nella gestione della piattaforma.

L’operazione contro DarkMarket rientra nelle attività del Dark web team dell’Europol, un’iniziativa congiunta delle forze di polizia europee che ha l’obiettivo di fermare le attività criminali online. Nel 2020 un’altra piazza di scambio per traffici illeciti, Wall Street Market, è stata smantellata. Secondo Cyberscoop, l’operazione che ha portato al blocco di DarkMarket è un ramo di un’inchiesta condotta sul servizio di hosting CyberBunker, che possedeva delle server-farm in ex bunker della Nato in Germania e Olanda dove ospitava vari siti, tra i quali The Pirate Bay.

The post Uno dei più grandi mercati criminali del dark web è stato smantellato appeared first on Wired.