Luci e ombre di The Mandalorian: Gina Carano licenziata, Pedro Pascal in un nuovo ruolo

0
111

mandalorian

Questa mattina i fan The Mandalorian si sono svegliati con un paio di sorprese. La produzione Disney+ ambientata nella galassia narrativa di Star Wars è uno dei successi più eclatanti degli ultimi anni, tanto da generare molti spin-off e una grande attesa per la terza stagione, che arriverà con tutta probabilità nel 2022. Però, non è tutto oro quel che luccica e anche in questo idillio televisivo si iniziano a intravedere le prime crepe. No, tranquilli, nessun pericolo per Baby Yoda. Ad andare incontro a un destino piuttosto fosco è un altro personaggio, quello della mercenaria e neo-designata sceriffo Cara Dune. Nelle ultime ore l’attrice Gina Carano, che le dà il volto, è stata licenziata da Lucasfilm.

Tutto nasce da una serie di Instagram Stories in cui Gina Carano ha condiviso dei messaggi controversi: “Gli ebrei non venivano picchiati sulle strade dai soldati nazisti, ma dai loro vicini, anche dai bambini”, ha scritto. “Poiché la storia viene emendata, molte persone non sanno che, per arrivare al punto in cui i nazisti potevano rastrellare migliaia di ebrei, il governo ha dovuto prima far sì che i loro stessi vicini li odiassero”. Questo per sostenere che anche negli Stati Uniti di oggi si alimenta l’odio contro chi la pensa diversamente, soprattutto contro chi – secondo lei – non ha idee vicine alla nuova presidenza. Già alla fine del 2020 l’attrice ed ex wrestler si era distinta per alcuni tweet molto criticati, come quelli in cui prendeva in giro coloro che indossavano le mascherine per proteggersi dal coronavirus o altri in cui si insinuava che la vittoria elettorale di Joe Biden fosse truccata.

In precedenza c’erano state delle tensioni anche con il protagonista di The Mandalorian Pedro Pascal, dopo che Carano aveva aggiunto alla sua bio su Twitter l’espressione “beep/bop/boop”, una chiara presa in giro dell’uso di indicare i pronomi con cui si vuole essere appellati (tipo “he/him”, “she/her”), utili soprattutto per le persone transgender o non binarie (lo stesso Pascal ha una sorella transgender che ha sempre sostenuto con grande determinazione). “Gina Carano non è attualmente assunta da Lucasfilm e non ci sono progetti per lei in futuro”, si legge ora in un comunicato della società di produzione. “Nonostante ciò i suoi post social che denigrano le persone in base alle loro identità culturali e religiosi sono aberranti e inaccettabili. Secondo una fonte riportata da Hollywood Reporter, erano mesi che la Lucasfilm cercava un motivo sufficientemente valido per terminare la collaborazione con l’attrice.

Chi se la passa decisamente meglio, invece, è proprio Pedro Pascal: raggiunta la notorietà assoluta con Game of Thrones, Narcos e appunto The Mandalorian, adesso è uno degli attori più quotati di Hollywood. Reduce dal recente successo con il film Wonder Woman 1984, in cui interpreta il villain Maxwell Lord (lo si può vedere anche da noi in digitale a partire dal 12 febbraio), è stato annunciato nelle scorse ore che sarà il protagonista di un nuovo ambizioso progetto seriale, ovvero l’adattamento Hbo del popolare videogioco The Last of Us. Pascal vestirà i panni di Joel, un uomo che in uno scenario apocalittico dovrà portare in salvo la giovane Ellie, interpretata da Bella Ramsey, ovvero Lyanna Mormont in Game of Thrones.

The post Luci e ombre di The Mandalorian: Gina Carano licenziata, Pedro Pascal in un nuovo ruolo appeared first on Wired.