WandaVision, le domande lasciate aperte dopo il finale

0
80
Questo post è stato pubblicato qui

ATTENZIONE: spoiler sull’ultimo episodio di WandaVision

La prima serie Marvel di Disney+, WandaVision, si è conclusa lo scorso 5 marzo con la pubblicazione del nono e ultimo episodio dopo aver suscitato grande curiosità ed essere stata parecchio acclamata da pubblico e critica. Dopo i primi episodi modellati sul calco delle vecchie sitcom della tv americana, abbiamo scoperto che quel mondo metatelevisivo era in realtà frutto dello straordinario potere di Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen), scatenatosi dal dolore per la morte dell’amato Visione (Paul Bettany): grazie alla sua magia la donna ricrea un mondo perfetto in cui ricongiungersi con lui e persino in cui avere due figli, Tommy e Billy.

Nonostante i tentativi della potente strega Agatha Harkness (Kathryn Hahn), Wanda riesce a tornare in sé stessa e a liberare la cittadina di Westview, che teneva sotto il suo giogo magico. Nel ricongiungersi con la sua identità più pura, quella di Scarlet Witch, Wanda ha dovuto rinunciare alle persone che più amava. La conclusione agrodolce della serie, però, lascia molti quesiti aperti e soprattutto molti dubbi che probabilmente saranno esauriti nei prossimi film della Marvel, e in particolare in Doctor Strange and the Multiverse of Madness (in uscita nel marzo 2022), visto che per ora di Wandavision non sono previste altre stagioni. Ma vediamo insieme le domande più scottanti:

Tommy e Billy torneranno?

Come detto, Wanda crea con la sua magia una dimensione parallela in cui vivere il suo sogno di una famiglia felice: in questo contesto rimane incinta e dà velocemente alla luce due gemelli, Tommy e Billy, che crescono altrettanto velocemente nel corso di un paio di episodi. Anche per le doti che dimostrano di avere, sappiamo che i due sono i personaggi che nei fumetti diventeranno il super-rapido Speed e il potente Wiccan. Quando nell’ultimo episodio Wanda smantella l’Hex, ovvero il campo energetico esagonale che conteneva la sua Westview, anche i due bimbi scompaiono.

La loro dipartita dal Marvel Cinematic Universe è definitiva? C’è da dubitarne, anche perché nell’ultimo scena post credit vediamo Wanda udire le loro grida d’aiuto. Si tratta in effetti di due figure chiave nei più recenti archi narrativi dei fumetti Marvel, quindi è improbabile che siano stati bruciati solo con l’apparizione in questa serie. È possibile invece che il villain che vedremo in Doctor Strange 2 (Mefisto? Incubo?) abbia trovato il modo di catturarne l’essenza anche al di fuori dell’Hex. Ci immaginiamo poi che Tommy e Billy possano essere protagonisti di una generazione di Young Avengers proposta prossimamente.

Che fine ha fatto il Visione bianco?

Fra i numerosi tentativi di sabotare Wanda ci sono quelli dello Sword, o meglio del suo corrotto capo Tyler Hayward. Ingannando la donna, Hayward fa riassemblare i pezzi del defunto Visione e ne crea una replica completamente incolore e senza capacità di empatia (un Visione bianco era apparso nei fumetti classici dei West Coast Avengers). Grazie al paradosso della nave di Teseo (se di un oggetto sostituisci tutti i componenti originari con componenti identici ma nuovi, quell’oggetto è sempre lo stesso dell’originale o è qualcosa di nuovo?), il Visione ricreato da Wanda riesce a disinnescare la sete di distruzione del Visione bianco e a caricare in lui ricordi e umanità, prima di permettergli di volare via.

Ma che fine ha fatto questo nuovo Visione? Non lo vediamo più per il resto dell’episodio ma è comunque probabile che farà il suo ritorno in future produzioni Marvel, magari avendo riacquistato completamente la sua personalità e riavvicinandosi alla stessa Wanda. Eppure è difficile capire al momento se sarà in tutto e per tutto una replica del Visione che abbiamo conosciuto finora o comunque qualcosa di diverso (ancora il paradosso, appunto).

E quindi gli X-Men?

I fan sono andati in visibilio quando, nel quinto episodio di WandaVision, appare Pietro, il fratello di Wanda ucciso in Avengers: Age of Ultron. Il momento è significativo non solo dal punto di vista emotivo ma anche perché a interpretarlo non era l’attore Aaron Taylor-Johnson già visto nell’Mcu, bensì Evan Peters, l’interprete di Pietro-Quicksilver nei film Fox degli X-Men. Ora che anche i diritti dei mutanti sono tornati nell’alveo di Marvel-Disney, ci si aspetta che questa fase 4 introduca con grande lustro gli X-Men nell’universo cinematografico Marvel e la comparsa di Peters-Pietro sembrava una mossa sorniona e brillante per farlo. Invece forse abbiamo ecceduto tutti nelle aspettative: viene fuori che questo Fietro (Finto Pietro) altri non era che l’attore in erba Ralph Boener, un semplice cittadino di Westview scritturato da Agatha per far un brutto scherzo alla mente di Wanda. Nessuna strategia concreta per introdurre i mutanti nella saga, dunque, solo un mega easter egg che, in fondo, ha giocato un brutto scherzo anche alle ipotesi di tanti spettatori appassionati.

Qual è il futuro dello Sword?

Abbiamo visto come Hayward abbia guidato lo Sword contro Wanda, ma nell’ultimo episodio viene doverosamente arrestato. Per molti episodi ci si è chiesti se fosse solo lui la mela marcia oppure se tutto lo Sword fosse stato infiltrato come successo in passato allo Shield (di cui lo Sword è praticamente la controparte spaziale). Accantonata questa ipotesi, è molto probabile che questa organizzazione – anch’essa troppo importante nei fumetti per essere introdotta solo per una serie – sarà fondamentale nei prossimi film, soprattutto quelli ambientati nello spazio. La presenza di Monica Rambeau (Teyonah Parris) rafforza il legame come le vicende di Carol Danvers e, dato che la donna ha acquisito dei poteri che la rendono sempre più vicina alla Photon dei fumetti, potrebbe giocare un ruolo fondamentale in Captain Marvel 2. D’altronde alla fine dell’episodio un’agente di polizia, in realtà una Kree, le rivela che qualcuno (Nick Fury) la sta aspettando nello spazio. Tutto ciò ci fa pensare anche a un altro importare arco narrativo nei fumetti, Secret Invasion, la cui serie è stata annunciata in arrivo prossimamente su Disney+.

Cos’è il Darkhold?

In oltre dieci anni di Marvel Cinematic Universe abbiamo imparato a comprendere che nella saga nessun elemento è inserito per caso. Lo stesso vale con tutta probabilità per il Darkhold, il libro di incantesimi custodito da Agatha (che lo introduce come “il libro dei Dannati“) e che alla fine della serie finisce nelle mani di Wanda ormai divenuta Scarlet Witch, che lo usa per imparare qualcosa di più sulla propria magia.

Nei fumetti, il Darkhold è creato dal dio primigenio del caos, Chthon, da cui Scarlet Witch acquista appunto i suoi poteri di creazione che derivano dalla magia del caos. Come sappiamo dalle storie a fumetti il potere del Darkhold è particolarmente ambiguo e incontrollabile e Wanda potrebbe avere delle difficoltà a gestirlo. In questo frangente entra proprio in gioco Doctor Strange: la stessa Agatha dice che Scarlet Witch è un’entità più potente dello Stregone supremo (Strange appunto), e nella sinossi del prossimo film leggiamo che il maestro delle arti magiche dovrà affrontare un “friend-turned-enemy” (un amico – o un’amica? – divenuto cattivo), arrivando a scatenare un potere terrificante. Che uno scontro fra Doctor Strange e Scarlet Witch sia sempre più vicino?

Chi è Scarlet Witch?

wandavision, scarlet witch

Lo sapevamo fin dall’inizio e questo ultimo episodio ce l’ha dimostrato appieno: la funzione principale di WandaVision era quello di far riappropriare Wanda Maximoff della sua identità più vera e del suo alter ego dei fumetti, Scarlet Witch. Abbiamo appreso che Wanda non ha acquisito poteri straordinari solo grazie all’esposizione alla pietra della Mente, ma ha celato da sempre in sé un potere rimasto latente, che ora è esploso in tutta la sua ampiezza. Da come viene descritta negli ultimi episodi la Strega scarlatta è un’entità mitica preannunciata da un’antichissima profezia, con la capacità di manipolare l’energia del caos fino a creare nuova vita, ma il cui potere è temibile e distruttivo.

Se è vero appunto che Scarlet Witch è più forte dello Stregone supremo Doctor Strange, la sua magia potrebbe avere ripercussioni pericolose su tutto il mondo, per di più dato che Wanda ancora non sa gestirla appieno (Agatha le continua a ribadire la sua mancanza di formazione magica, e a proposito: la stessa Agatha potrebbe tornare a farle da mentore come successo nei fumetti?). Da dove viene però tutto questo potere? Chi ha formato Scarlet Witch? Difficile dirlo, anche se nei fumetti lei deriva dal potere Chthon, quindi le sue origini sono in qualche modo malvagie. Di sicuro Wanda si è rivelata uno dei personaggi più forti degli Avengers e una delle pedine fondamentali nel futuro dell’imminente Marvel Cinematic Universe.

The post WandaVision, le domande lasciate aperte dopo il finale appeared first on Wired.