Vaccino AstraZeneca in Europa: le trombosi tra gli effetti collaterali molto rari

0
173
Questo post è stato pubblicato qui
vaccino
(foto: hakan german via Pixabay)

Secondo il comitato sulla farmacovigilanza (Prac) dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema), i coaguli di sangue associati a basso numero di piastrine nel sangue devono essere inclusi tra gli effetti collaterali molto rari del vaccino Vaxzevria contro Covid-19 di AstraZeneca . I medici che somministrano il vaccino devono quindi tenere presente l’eventualità. Finora nella maggioranza dei casi il problema è avvenuto in donne con meno di 60 anni ed entro due settimane dalla vaccinazione, ma non sono stati evidenziati specifici fattori di rischio e il meccanismo resta poco chiaro. Secondo il comitato sulla farmaco vigilanza, essendo questi effetti molto rari, il rapporto rischi benefici resta a favore del vaccino anti-Covid-19.

Il Prac ha analizzato 62 casi di trombosi del seno venoso cerebrale e 24 casi di trombosi della vena splenica segnalati dal database europeo fino al 22 marzo, di cui 18 fatali, su oltre 25 milioni di persone vaccinate nel Vecchio continente.

Intanto alcuni Paesi hanno deciso di sospendere del tutto le somministrazioni o limitarle in base all’età e al sesso. L’Ema, però, non consiglia alcun blocco del vaccino AstraZeneca e su questo tema si incontreranno a breve i ministri della Salute europei.

The post Vaccino AstraZeneca in Europa: le trombosi tra gli effetti collaterali molto rari appeared first on Wired.