Vera Gedroits: chi è la protagonista del Doodle di Google di oggi

0
53
Questo post è stato pubblicato qui

Prima donna chirurgo militare in Russia, prima donna ad assumere il ruolo di professore di chirurgia e prima donna a prestare servizio come medico presso il Palazzo Imperiale in Russia: Vera Gedroits, la protagonista del Doodle di Google di oggi, è stata una donna eccezionale, e con il suo contributo è riuscita a cambiare il mondo della medicina. Ma chi era esattamente la Gedroits?

Vera Ignatievna Gedroits è nata nel 1870 in una famiglia altolocata di Kiev, che allora faceva parte dell’Impero russo. In adolescenza, la giovane studentessa lascò la Russia per andare a studiare in Svizzera. Qui ha frequentato i corsi di medicina del chirurgo César Roux.

Dopo essersi laureata con il massimo dei voti nel 1898, dovette fare ritorno in Russia, dove – allo scoppio della guerra russo-giapponese del 1904 – partì come volontaria per lavorare come chirurgo insieme alla Croce Rossa.

Il lavoro di Vera Gedroits durante la guerra

Grazie al suo lavoro e al suo talento, la Gedroits riuscì ad eseguire delle operazioni chirurgiche molto delicate mentre si trovava sotto i bombardamenti. Durante la guerra, le tecniche e le metodologie adottate dalla dottoressa presero sempre più piede, divenendo il nuovo standard ufficiale adottato dall’esercito russo.

Terminato il suo servizio sul campo di battaglia, la Gedroits lavorò anche come medico chirurgo presso la famiglia reale russa, per poi fare ritorno nella sua Kiev, dove assunse il ruolo di professoressa di chirurgia presso l’Università di Kiev. Qui, la dottoressa insegnò chirurgia pediatrica e in pochi anni fu nominata professore di medicina.

Vera Ignatievna Gedroits era apertamente lesbica, ed oltre ad essere passata alla storia per il suo contributo nel campo della medicina e della chirurgia, viene ricordata anche per il suo grande talento creativo. La donna fu infatti autrice di poesie e altre opere letterarie e di saggistica.

Nel 1932 la Gedroits è morta a causa di un cancro all’utero.

via | Ansa