Twitter ha reso disponibili i suoi Audio Spaces per chi ha più di 600 follower

0
27
Questo post è stato pubblicato qui

Twitter ha reso disponibili gli Audio Spaces, le sue stanze per le conversazioni audio in diretta molto simili a Clubhouse, per tutti gli account con 600 o più follower. Il social network ha mancato di qualche giorno la promessa di lanciare Audio Spaces entro aprile di quest’anno, ma in un colpo solo ha pubblicato l’aggiornamento sia per i suoi utenti Android che per quelli che usano iOs, senza distinzioni.

Il numero di 600 follower non è stato scelto a caso: Twitter si è basato sul feedback dei suoi utenti che, da quando la società ha iniziato a introdurre Audio Spaces come test, hanno potuto provare la novità e fornire riscontri al social network.

Biglietti d’ingresso a pagamento settabili per gli Audio Spaces (immagine: Twitter)

I creator degli Audio Spaces potranno monetizzare le loro conversazioni grazie a un sistema di ticket. La funzionalità permetterà agli host di impostare un i prezzi dei biglietti e il numero massimo di partecipanti all’evento in modo da creare spettacoli esclusivi e guadagnando dai loro sforzi creativi. Questa funzionalità verrà inizialmente testata con un gruppo ristretto per capire le reazioni del pubblico, e Twitter guadagnerà da tutto questo sistema grazie a delle piccole commissioni sul prezzo dei biglietti.

Un altro vantaggio che Twitter può vantare su Clubhouse è la presenza dei sottotitoli autogenerati in tempo reale all’interno del suo prodotto. Questa funzionalità presto riceverà un aggiornamento che consentirà agli utenti di accedere a più lingue, di mettere in pausa i sottotitoli, di scorrere indietro nel caso ci si sia persi qualche passaggio e di personalizzare il font della scritta.

Twitter ha inoltre annunciato che è al lavoro sulla programmazione degli Audio Spaces pensati per il co-hosting senza però specificare le tempistiche di rilascio della novità. Per il momento Audio Spaces rimane un prodotto accessibile esclusivamente dall’app mobile del social network, ma Twitter ha confermato che l’implementazione degli Spaces sul web è ancora in lavorazione.

The post Twitter ha reso disponibili i suoi Audio Spaces per chi ha più di 600 follower appeared first on Wired.