Perché sono aumentati gli sbarchi di migranti

0
65
Questo post è stato pubblicato qui

Nelle ultime 24 ore sono sbarcati a Lampedusa oltre 2.000 migranti, per la precisione, stando ai numeri forniti dalle autorità, 2.128 migranti. Dopo gli sbarchi documentati nella mattinata di ieri, che hanno portato al collasso l’hotspot di Lampedusa con oltre 1.000 ingressi, nella notte tra domenica e lunedì i barconi hanno continuato la spola dalle coste africane, portando appunto il totale oltre quota 2.000. il centro di smistamento dell’isola sicula ha una capienza di circa 200 posti, ragion per cui è facile comprendere quale sia lo stato attuale di Lampedusa. E la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare nelle prossime ore, poiché sono segnalate diverse imbarcazioni nel Mediterraneo, che non ricevendo risposta dalle autorità di Malta, si stanno spingendo verso le coste italiane.

Boom di migranti a Lampedusa: Draghi prepara task force

Le motovedette della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera si trovano al confine delle 12 miglia e sono pronte a scortare i barconi della speranza in porto, ma non risultano al momento navi di Ong all’opera. Insomma, siamo di fronte ad una vera e propria ondata umana, che già ieri ha portato l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a chiedere un incontro con il premier Mario Draghi. Il tema dei migranti fin qui non era stato toccato dal leader della Lega, proprio per non creare un “contraccolpo” immediato all’interno della maggioranza, ma a quanto pare ora avrebbe deciso di esporre la propria linea al premier. Non che fin qui Draghi gli abbia dato molto ascolto su altre tematiche, ma tant’è…

A Draghi si rivolgerà anche il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, che già ieri ha chiesto al governo di farsi carico dell’emergenza. Il capo del governo, secondo indiscrezioni giornalistiche, si sarebbe già muovendo e a tal proposito avrebbe parlato con la ministra Lamorgese (Interno) per una sorta di task force. Lampedusa, infatti, è in zona rossa a causa dei numerosi contagi da Covid-19 e la campagna vaccinale potrebbe essere fortemente condizionata dai continui sbarchi. Si parla di una nave quarantena, che dovrebbe scongiurare nuovi casi di coronavirus “di importazione”, ma al momento non si è vista.

Perché sono aumentati gli sbarchi?

La domanda però sorge spontanea: dopo che l’hotspot di Lampedusa si era letteralmente svuotato, perché gli sbarchi negli ultimi giorni sono ripresi in massa? C’è innanzitutto da segnalare una tendenza: delle 16 imbarcazioni arrivate a Lampedusa nelle ultime 24 ore, solo 2 provengono dalla Tunisia, ovvero il Paese dal quale sono giunte nel 2020 il maggio numero di barche. Sembra dunque si sia riaperta la rotta libica, anche per via delle favorevoli condizioni meteo e il mare tranquillo. La Libia sta vivendo un periodo particolarmente preoccupante, nonostante la formazione del governo di transizione. L’instabilità del Sahel (una fascia di territorio che attraversa diversi stati confinanti) e altre tensioni di alcuni Paesi africani sta praticamente rendendo impossibile la gestione dei flussi migratori. In questo periodo sembra sia molto più semplice arrivare in Libia e salire sui barconi. E la destinazione più accreditata è l’Italia.