Vaccino AstraZeneca: perché l’Europa non ha rinnovato il contratto

0
71
Questo post è stato pubblicato qui

Vaccino AstraZeneca, l’Europa ha detto basta. I massimi vertici del vecchio continente, infatti, hanno deciso che da giugno non sarà più rinnovato il contratto per l’approvvigionamento delle dosi per vaccinare gli europei contro la Covid-19. Niente a che vedere con la qualità e l’efficacia del vaccino. Il problema che ha spinto Bruxelles non solo a non rinnovare il contratto, ma anche ad aprire un’azione legale, è la capacità di rispettare il calendario delle consegne.

Nel weekend Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno e i servizi della commissione von der Leyen, ha anticipato che l’Europa non avrebbe rinnovato i vaccini anti coronavirus sviluppati dalla multinazionale biofarmaceutica anglo-svedese. Non si andrà oltre la naturale scadenza dell’accordo attuale, che dovrebbe scadere entro la fine del mese di giugno.

Vaccini Covid AstraZeneca e Pfizer: una sola dose già riduce il rischio di contagio

Il portavoce della sanità ha però voluto precisare: «Non possiamo pronunciarci sulle tappe future, è in corso un contenzioso presso il tribunale belga con AstraZeneca, che non ha rispettato gli impegni contrattuali assunti con la Ue. Ciò che conta è ottenere le dosi cui i cittadini europei hanno diritto. La Commissione non ha esercitato l’opzione (per la consegna) per cento milioni di dosi aggiuntive» del vaccino AstraZeneca. E poi ha aggiunto: «Non c’è da rinnovare un contratto ma c’è la possibilità di negoziare un nuovo contratto».

Vaccino AstraZeneca, quante dosi in Italia?

Finora sono arrivate 6,5 milioni di dosi, contro i 18 milioni di Pfizer BionTech. Tutti i paesi europei hanno subito ritardi da parte della multinazionale che hanno provocato problemi anche seri nella campagna vaccinale. Senza dimenticare il bloggo di alcuni giorni per la somministrazione. Entro fine giugno dovrebbero arrivare gli ultimi 7 milioni di vaccini in tutta Europa: davvero poi non ne arriveranno più? Lo stesso Thierry Breton all’emittente radiofonica francese France Inter ha detto: «Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno. Vedremo cosa succederà».

Vaccino AstraZeneca sicuro: ulteriore conferma in un nuovo studio negli USA

Via | IlSole24Ore

Foto Getty