Coronavirus, un gene della calvizie potrebbe aumentare il rischio di Covid-19 negli uomini

0
49
Questo post è stato pubblicato qui

calvizie

Lo sappiamo fin dall’inizio della pandemia: sulla base dei dati raccolti finora gli uomini sono più a rischio di sviluppare forme gravi di Covid-19. Le ipotesi formulate per spiegare il fenomeno sono varie ma non c’è ancora alcuna certezza. Oggi un gruppo di ricerca statunitense, guidato da Andy Goren, ha identificato un nuovo meccanismo genetico che potrebbe contribuire, a detta dei ricercatori, a rendere il sesso maschile più vulnerabile al coronavirus. Lo studio, presentato al meeting dell’European Academy of Dermatology and Venereology, indica che gli uomini colpiti dall’alopecia androgenetica, ovvero la calvizie, erano più spesso ricoverati per forme di Covid-19 più gravi.

Il nodo di contatto fra calvizie e Covid-19

A partire da questa osservazione i ricercatori del gruppo Applied Biology, in California, si sono chiesti se la genetica della calvizie possa avere un collegamento con Covid. Il nodo di contatto fra calvizie e Covid-19 sarebbe un gene collegato agli androgeni, ormoni maschili. Questo gene, in sigla Ar, è alla base della sintesi di una proteina chiamata recettore degli androgeni (Ar, appunto) ed è responsabile della calvizie in alcuni uomini. Alcune varianti di questo gene, infatti, molto diffuse nella popolazione maschile, possono portare alla calvizie. Ma l’anello di collegamento con il Sars-Cov-2 si troverebbe secondo gli autori nel fatto che una delle due principali proteine che favoriscono l’ingresso del virus nelle cellule e la sua diffusione nell’organismo, la proteina Tmprss2 (l’altra è Ace2) è sensibile e dunque risponde anche all’attività degli androgeni. Questo fa ragionevolmente pensare che il gene AR del recettore degli androgeni possa avere un qualche impatto anche su questa proteina che fa entrare Sars-Cov-2.

Lo studio su 65 pazienti

L’ipotesi, dunque, è che la proteina Tmprss2 sia un anello di congiunzione fra l’alterazione genetica che porta alla calvizie e Covid-19. Questa ipotesi è stata confermata in un primo studio genetico condotto per ora su un campione ristretto di 65 pazienti ricoverati per Covid-19. Gli uomini con specifiche differenze strutturali del gene Sto arrivando!erano maggiormente colpiti e soggetti a sintomi più rilevanti. In particolare, una parte (un segmento) chiave del gene AR è risultata collegata a una maggiore probabilità di manifestare Covid-19 più grave. “Fra gli uomini ricoverati con Covid-19, il 79% aveva l’alopecia androgenetica, ha sottolineato Andy Goren, indicando che questa percentuale dell’incidenza media dell’alopecia è molto più alta rispetto a quella della popolazione maschile della stessa età, che va dal 31 al 53%.

Una prima prova da approfondire

Ancora l’analisi è piuttosto ristretta e da confermare ma l’autore Goren spiega che questo test “potrebbe essere utilizzato come biomarcatore per identificare gli uomini più a rischio di entrare in terapia intensiva”. Il risultato, secondo Goren, fornisce un’altra prova del ruolo degli ormoni maschili nell’infezione da coronavirus e una spiegazione del perché gli uomini sono più vulnerabili.

La dottoressa Teresa Murray Amato, a capo della medicina d’emergenza all’ospedale Long Island Jewish Forest Hills, a New York, non coinvolta nella ricerca, ha detto di avere notato una correlazione significativa fra un alto livello dei recettori degli androgeni e una maggiore incidenza dei ricoveri in terapia intensiva fra i malati di Covid. Ancora siamo nell’ambito delle osservazioni, ma potrebbe essere un aspetto da studiare. “Anche se la ricerca è piccola e l’esatta associazione non è ancora compresa in maniera esaustiva”, ha commentato Amato riferendosi allo studio citato, “può fornire una delle risposte sul perché gli uomini sono più a rischio di finire in terapia intensiva e hanno una mortalità complessiva per Covid-19 più elevata”. Secondo l’esperta bisognerebbe approfondire lo studio per capire se un trattamento che blocchi i recettori degli androgeni possa essere utile nei pazienti con Covid-19 che mostrano questa alterazione.

The post Coronavirus, un gene della calvizie potrebbe aumentare il rischio di Covid-19 negli uomini appeared first on Wired.