Come funziona il green pass europeo

0
76
Questo post è stato pubblicato qui
Il green pass europeo
Il green pass europeo

Via libera al pass europeo per attestare la vaccinazione, la guarigione o l’esito negativo di un tampone per il Covid-19 quando ci si sposta tra i paesi dell’Unione. Parlamento europeo e stati membri hanno raggiunto un accordo provvisorio sul nuovo Eu digital certificate Covid-19, a seguito dell’incontro trilaterale tra Parlamento, Consiglio e Commissione europea. Ora, il testo dovrà passare al vaglio della Commissione per le libertà civili del Parlamento, il prossimo 26 maggio. Se sarà approvato, verrà poi sottoposto alla votazione del Parlamento e del Consiglio e dovrebbe entrare in vigore dal primo luglio.

Il certificato digitale, che potrà essere utilizzato dallo smartphone o in formato cartaceo, attesterà la vaccinazione, la guarigione o l’esito negativo di un tampone per il Covid-19. Questo permetterà alle autorità di verificare lo stato di salute dei viaggiatori, in base alle indicazioni fornite dal paese di origine. Il certificato non preclude il diritto alla libera circolazione e non costituisce un documento di viaggio, ma servirà a non dover sottostare a tamponi, autoisolamento o ai regimi di quarantena, per l’ingresso o l’uscita dai diversi paesi membri e dai paesi non comunitari della zona Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera).

Nel nuovo accordo è stata bocciata ogni proposta di rendere gratuiti i test necessari per ottenere il certificato, se non ci si è sottoposti a vaccinazione. Tuttavia è stato previsto lo stanziamento di 100 milioni di euro per acquistare i tamponi per i lavoratori frontalieri e per quelli essenziali. Gli stati membri saranno obbligati ad accettare tutti i certificati rilasciati dai paesi europei, alle persone sottoposte a vaccini approvati dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema). Inoltre, le autorità nazionali potranno decidere se accettare o meno i certificati di vaccinazione relativi ai vaccini autorizzati in caso di emergenza dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Per prevenire la frode o la falsificazione dei certificati, sono stati predisposti dei sigilli elettronici che ne attesteranno l’autenticità. Inoltre, per tutelare la privacy delle persone, i dati contenuti nei certificati non potranno essere conservati dagli stati membri in cui si viaggia e non verrà creata una banca dati centrale a livello europeo.

The post Come funziona il green pass europeo appeared first on Wired.