YouTube non mostrerà più annunci politici e sul gioco d’azzardo in homepage

0
36
Questo post è stato pubblicato qui
YouTube annunci
(foto: Mateusz Slodkowski/Sopa Images/LightRocket via Getty Images)

YouTube ha aggiornato la sua policy sugli annunci pubblicitari e messo al bando alcuni contenuti sponsorizzati dall’homepage. Nel box che appare in alto nella schermata iniziale da lunedì non possono più comparire pubblicità di scommesse e gioco d’azzardo offline e online, di alcolici, dei farmaci su prescrizione e gli annunci di candidati politici. Anche gli annunci relativi a temi politici generali non saranno più immediatamente approvati, ma la piattaforma si riserva di decidere caso per caso.

Se l’homepage di YouTube è una delle pagine web più visitate di tutta internet, la sua testata è lo spazio pubblicitario più costoso e ricercato della piattaforma.

Già alla fine dell’anno scorso Google, che possiede YouTube, aveva modificato il processo di prenotazione della testata della sua homepage, non permettendo più a un singolo inserzionista di accaparrarsi quello spazio per un’intera giornata.

Il comitato per la rielezione di Trump ha acquistato quello spazio pubblicitario il giorno delle elezioni di novembre 2020, prima che questo cambiamento entrasse in vigore.

Google ha sospeso tutti gli annunci politici dopo la chiusura dei sondaggi il giorno delle elezioni e lo ha fatto di nuovo, per circa un mese, dopo il tentativo di insurrezione a Capitol Hill a gennaio da parte dei supporter di Trump.

Riguardo alla recente novità di bandire pubblicità di alcolici, gioco d’azzardo, farmaci e spot politici un portavoce di Google ha detto ad Axios che crede che “questo aggiornamento e porterà a un’esperienza migliore per gli utenti”.

Google da anni modifica le sue politiche pubblicitarie nel tentativo di ridurre al minimo la disinformazione e la manipolazione, in particolare riguardo agli eventi sensibili, come per esempio le tornate elettorali.

The post YouTube non mostrerà più annunci politici e sul gioco d’azzardo in homepage appeared first on Wired.