Perché abbiamo mandato un centinaio di calamari nello spazio?

0
77
Questo post è stato pubblicato qui
I piccoli calamari della Nasa (Foto: Nasa)
I cuccioli di calamaro della Nasa (foto: Nasa)

La Nasa ha lanciato nello spazio 128 piccoli di calamaro delle Hawaii. I cefalopodi sono poi arrivati sulla Stazione spaziale internazionale, dove verranno studiati per esaminare gli effetti del volo spaziale sulle interazioni tra batteri e i loro ospiti animali, nel contesto del progetto UMAMI, ovvero Understanding of Microgravity on Animal-Microbe Interactions. I piccoli calamari – lunghi al massimo 7 centimetri – sono stati allevati presso il Kewalo marine laboratory dell’università delle Hawaii e inviati oltre l’atmosfera lo scorso 3 giugno, su una navicella SpaceX.

Capire come cambi il rapporto tra esseri viventi e microbi nello spazio è un aspetto fondamentale per migliorare le condizioni di salute degli astronauti e garantire la loro sicurezza durante le lunghe missioni di esplorazione. Gli scienziati, infatti, hanno scoperto che il rapporto tra i corpi degli astronauti e i loro microbi cambia in assenza di gravità e questo compromette il loro sistema immunitario, che non riesce più a riconoscere immediatamente i batteri e può causare delle malattie.

“Ci sono aspetti del sistema immunitario che semplicemente non funzionano correttamente nei voli spaziali di lunga durata”, ha detto la ricercatrice Jamie Foster, che ha coordinato il progetto. “Se gli esseri umani vogliono passare del tempo sulla Luna o su Marte, dobbiamo risolvere i problemi di salute per portarceli in sicurezza”, ha aggiunto.

Questa specie di calamari è particolarmente adatta per questo tipo di studio. Infatti, sono caratterizzati dalla capacità di illuminarsi al buio e di avere un rapporto simbiotico con i batteri che li aiutano a regolare la loro luminescenza. In questo modo, per gli scienziati sarà più facile controllare come la vita nello spazio possa influenzare il rapporto tra esseri viventi e microorganismi e provare a risolvere i problemi di salute degli astronauti. Il viaggio dei piccoli cefalopodi spaziali terminerà a luglio, quando un’altra navicella SpaceX li riporterà alle Hawaii.

The post Perché abbiamo mandato un centinaio di calamari nello spazio? appeared first on Wired.