Tratto da una storia vera, i giovani raccontano la battaglia contro il cancro

0
73
Questo post è stato pubblicato qui

Giovani ragazzi e ragazze raccontano un viaggio molto particolare, e lo fanno attraverso il nuovo PodcastTratto da una storia vera”, un percorso in sei puntate da dieci minuti ciascuna, realizzato dai pazienti del Progetto Giovani del reparto di Pediatria oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Un vero e proprio viaggio che ci porta alla scoperta e alla comprensione di una realtà che spaventa, e che va affrontata con coraggio.

Protagonisti del nuovo Podcast, disponibile su Spotify e sulle altre piattaforme streaming, sono 21 giovani, la maggior parte dei quali è ancora in cura contro il cancro. I partecipanti hanno raccontato cosa vuol dire ammalarsi di tumore durante l’adolescenza. Per farlo hanno utilizzato la metafora del viaggio, esprimendo così liberamente le loro sensazioni, i loro sentimenti, le loro paure, i loro incontri, le loro disavventure e i loro pensieri.

A coordinare il progetto è stato Gianfelice Facchetti, scrittore, attore e regista teatrale. I racconti dei ragazzi – spiega – rappresentano un atto di amore, un gesto di generosità da parte di alcuni giovani e giovanissimi guerrieri.

Tratto da una storia vera: la lotta dei giovani pazienti contro il cancro

Chiunque abbia vissuto un’esperienza di questo tipo si porterà qualcosa dentro per sempre, io mi sento completamente diversa e vedo il mondo e le persone in modo completamente diverso. Si è chiuso un libro e ora c’è un nuovo inizio,

racconta ad esempio Camilla, una delle ragazze che ha preso parte al progetto. Grazie al nuovo Podcast, tanti giovani pazienti ed ex pazienti hanno avuto modo di confrontarsi e di conoscere nuove realtà e storie simili alla loro. Maura Massimino, direttrice del reparto di oncologia pediatrica, ci parla del coraggio e della forza che si nascondono in ognuno di questi ragazzi:

Hanno capito che vale la pena mettercela tutta e raccontare tutto della malattia, malgrado l’orrore che ne abbiamo, la paura e le cure. Non resta che ascoltarli.

via | Ansa
Foto di Csaba Nagy da Pixabay