Cenerentola e altre rivisitazioni tra fiabesco e fantastico da vedere in streaming

0
80

cenerentola

Le fiabe, ce le ricordiamo tutti, sono delle storie rassicuranti che vengono raccontati a bambini e bambine prima di addormentarsi. In origine però, quando erano racconti popolari tramandati oralmente e anche quando furono canonizzati dai fratelli Grimm, portavano in sé diversi aspetti oscuri e inquietanti, che avevano una precisa funzione esorcizzante. Negli anni però ci siamo abituati a versioni fiabesche, soprattutto quelle Disney, rassicuranti e zuccherose; di recente, però, un nuovo trend cinematografico quelle raccontare nuovamente quelle storie archetipiche riscrivendole in modo più attuale o maturo. Vediamo qualche esempio:

1. Cenerentola

Le favole sono storie senza tempo, ma non Cenerentola che in questa nuova versione disponibile su Amazon Prime Video riscrive la propria storia in chiave decisamente contemporanea. La protagonista, infatti, interpretata dall’attrice e cantante Camila Cabello, è una giovane aspirante stilista che sogna di aprire il suo negozio di abiti nonostante la società patriarcale in cui vive e soprattutto nonostante le angherie della matrigna Vivian (Idina Menzel). L’incontro con il Principe azzurro (Nicholas Galitzine) sarà anche in questo caso cruciale, ma questa volta la ragazza si troverà a dover scegliere fra l’amore e la carriera. La modernizzazione di questo classico del genere fantasy viene anche dalla Fata madrina, che in questo caso valica i generi divenendo un formidabile personaggio queer interpretato da Billy Porter di Pose. E poi c’è la colonna sonora, con cover di grandi hit come Material Girl, Let’s Get Loud, Shining Star e Somebody to Love.

2. Crudelia

Dopo un passaggio a pagamento, da qualche settimana è disponibile a tutti gli abbonati Disney+ Crudelia, la nuova versione live-action del celebre personaggio di Crudelia De Mon, divenuto celebre nei film de La carica dei 101. Dopo la magnifica interpretazione di Glenn Close, tocca ora a Emma Stone interpretare la folle stilista, anche se in questo caso si tratta di una origin story: Estella (Stone), infatti, è una giovane ragazza orfana con un grande talento per la moda e cerca un modo per sfondare nel fashion world nella Londra degli anni Settanta. Troverà un’occasione presso l’atelier della perfida Baronessa von Hellman (Emma Thompson), scoprendo però alcuni segreti sconcertanti sul proprio passato e spianando la via alla creazione del personaggio tanto istrionico quanto malvagio personaggio. Stone è incredibile nel rendere un personaggio che tutti conosciamo in una specie di icona punk trasgressiva anche se forse eccessivamente stilizzata.

3. Il racconto dei racconti

Se le fiabe vi affascinano ma siete stanchi di una certa confezione disneyana, Il racconto dei racconti potrebbe fare al caso vostro. Il film di Matteo Garrone, uscito nel 2015 (ora lo si può vedere su Amazon Prime Video), è ispirato alla raccolta di fiabe Lo cunto de li cunti dell’autore seicentesco Giambattista Basile, le cui storie sognanti, bizzarre e spesso anche raccapriccianti vengono tessute insieme in una sceneggiatura che spazia in ogni angolo dell’immaginazione, anche quella più tetra. Un mix di attori internazionali, come Salma Hayek, John C. Reilly, Vincent Cassell, e italiani, come Alba Rorhwacher e Massimo Ceccherini, dà vita a un affresco in cui trovano posto pulci giganti, cacciatori di draghi, giganti tonti e brutali e strane profezie.

4. Biancaneve e il cacciatore

Adattamento in chiave dark della fiaba di Biancaneve, Biancaneve e il cacciatore è un film del 2012 disponibile su Netflix. Protagonista è proprio la giovane figlia del re Magnus, qui interpretata da Kristen Stewart, che rimane orfana dopo che il padre, già vedovo, si risposa con Ravenna (Charlize Theron), strega a capo della temibile Armata oscura, e viene da lei ucciso. Ravenna rinchiude Biancaneve in una torre e attraverso lo specchio magico ruba la giovinezza alle giovani del regno. Fuggita, Biancaneve viene inseguita dal cacciatore Eric (Chris Hemsworth), ma aiutata dal principe William (Sam Claflin) e, in modo decisamente inedito, dai Sette Nani. Sebbene con qualche rigidità, il film è un’interessante riscrittura che mette in risalto le figure femminili al di là dei cliché fiabeschi delle principesse in pericolo. Nel 2016 è uscito Il cacciatore e la regina di ghiaccio, sempre con Theron e Hemsworth, che funge sia da prequel sia da sequel a questo film (lo si vede sempre su Netflix).

5. La storia fantastica

Su Amazon Prime Video è disponibile anche un film cult del genere comico-fantasy che bisogna aver visto almeno una volta nella vita: si tratta de La storia fantastica. Adattato dal romanzo omonimo di William Goldman, il film racconta di due innamorati, il garzone Westley (Cary Elwes, visto di recente nell’ultima stagione di Stranger Things) e Bottondoro (Robin Wright, la Claire Underwood di House of Cards) che nonostante si amino d’”amore vero” vengono divisi dal destino: il giovane parte all’avventura e viene catturato dal pirata Roberts, mentre lei è costratta a sposarsi col malvagio principe  Humperdinck. Sarà proprio l’arrivo del pirata Roberts, e con lui una grande rivelazione a sorpresa, a scombinare le carte e portare finalmente al coronamento della loro relazione. La pellicola, che vede anche una cornice interpretata da Peter Falk (il mitico tenente Colombo), è una summa di tutti gli elementi principali dei fantasy anni Ottanta, fiabeschi e sdolcinati, ma spesso sfiora la parodia ironica del genere stesso.

The post Cenerentola e altre rivisitazioni tra fiabesco e fantastico da vedere in streaming appeared first on Wired.