sabato, Maggio 18, 2024

Arriva PlayerZ, la prima sitcom dedicata ai gamer

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

image

Marco (17 anni) e Ludovico (21 anni) sono vicini di casa. Non potrebbero essere più diversi eppure trovano terreno comune nei videogiochi, la loro vera passione. Decidono quindi di allestire una gaming room nella mansarda dei genitori di Marco, con l’obiettivo di aprire un canale Twitch e diventare streamers professionisti. Il debutto social viene continuamente posticipato, in attesa del giorno perfetto, che però sembra non arrivare mai… Tutte le vicende presentate si svolgono mentre i nostri giocano ai videogiochi. Il gaming è il fulcro attorno al quale ruotano le loro vite. I nostri protagonisti mentre giocano parlano, mangiano, ‘studiano’, interagiscono con altre persone, riflettono sui macro temi della vita (a modo loro), si insultano, litigano, si confidano. Tutto parte dal gioco, e tutto torna sempre lì, al gioco.

Gli autori, Matteo Branciamore e Giorgio Croce Nanni, la raccontano così: “Playerz è una sitcom che racconta la leggerezza di un’età nella quale la realtà adulta è ancora lontana e il mondo in cui si vive è una bolla, una sorta di bunker (n questo senso la “tana” dei due ragazzi è molto più che una metafora) ovattato dove è lecito sognare, divertirsi, e rifugiarsi da compiti e doveri. Questo è il motivo per cui non abbiamo voluto mai rappresentare nulla al di fuori di quel mondo, sfruttando il punto di vista dell’occhio della camera della console, da dove le madri apprensive sono solo voci lontane e dove responsabilità e doveri sono ostacoli da sormontare per ottenere esclusivamente la vittoria nel prossimo livello del videogioco più di successo del momento. O per sperare di diventare celebrità online da milioni di follower. Il tutto condito da risate e situazioni al limite del demenziale, perché non c’è niente di più folle della realtà vista attraverso gli occhi di un ragazzo della Generazione Z”.

Una clip in anteprima per Wired

PlayerZ è la prima produzione originale di Got Game. Luca Rochira, vicepresidente della produzione e promozione, spiega che nelle intenzioni della piattaforma questo è solo il primo di tanti progetti che riguarderanno il mondo del gaming, ma anche i mondi affini degli e-sport, del cosplay, della musica e degli anime e che spazieranno dal reality al quiz show, dalla sitcom al documentario e al magazine. “Teniamo molto a questo progetto perché restituisce in pieno il senso della nostra operazione e cioè lanciare il primo canale televisivo italiano dedicato ai gamer. Siamo molto contenti del risultato e crediamo che questa sketch comedy possa piacere non solo ai gamer più accaniti ma anche ad un pubblico più vasto e generalista”.

La piattaforma

Got Game offre contenuti dedicati in onda 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con un occhio speciale ai talenti italiani. Ed è completamente gratuito. Centinaia di ore di contenuti tra programmi su videogiochi, anime, gamer, prodotti tecnologici e approfondimenti sui più importanti protagonisti del settore. Got Game è disponibile su: Rakuten TV (canale 174), Samsung TV Plus (canale 4128) e lke TV LG (canale 293). Dal 10 Aprile su Pluto Tv e presto su Xiaomi.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Onu, internet “libera” e fondi per l'AI: cosa c'è nel patto digitale

“Stabile, sicura e non frammentata”. Descrive così internet la prima revisione del Global digital compact, il patto su digitale...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img