mercoledì, Maggio 22, 2024

Pasqua 2022: sei idee low cost per un lungo weekend tra bellezza e relax

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

UN LUNGO weekend per viaggiare in Italia e in Europa e riprendere il fiato dopo due anni di pandemia. Quest’anno le vacanze pasquali sono l’occasione per concedersi un piccolo viaggio e ricaricare le pile con l’aria di primavera. Che si desideri restare in Italia o avventurarsi in Europa, è possibile programmare un weekend rilassante fra natura, arte o alle terme, oppure decidere di fare trekking in montagna o di percorrere alcuni dei cammini più belli d’Italia. Qualunque sia la destinazione, la parola d’ordine è comunque “low cost”. Ecco qualche proposta di mete interessanti e alla portata di tutti.

Trekking nei dintorni di Roma

Se amate le attività outdoor e non volete allontanarvi troppo da casa, se alla vacanza nella natura cercate sempre di abbinare un assaggio di cultura, il suggerimento è quello di organizzare qualche giorno di trekking nei pressi della Capitale. Dalle cascate di Diosilla e Monterano, in provincia di Viterbo, al Picco di Circe, Latina, Roma e i suoi dintorni offrono alternative avventurose e suggestive, col valore aggiunto di un clima che già strizza l’occhio all’estate e di una cucina che non lascia mai scontento nessuno. Se optate per le Cascate di Diosilla non perdetevi la città fantasma di Monterano, da raggiungere passando per laghetti sulfurei e antiche miniere, mentre se amate le sfide e scegliete il picco del Monte Circeo percorrete il sentiero panoramico che percorre tutta la cresta della montagna, con vista spettacolare cul Golfo di Gaeta e le Isole Pontine.

imageLago di Resia, Bolzano”>

 

Lungo il lago di Resia in Alto Adige

L’Italia è piena di laghi meravigliosi e quello di Resia in Alto Adige merita l’attenzione dei molti che non lo conoscono. Situato in una delle zone più tranquille della regione questo lago alpino è inconfondibile per la presenza di un campanile romanico del sedicesimo secolo che emerge dalle sue profondità, unica traccia dell’ormai sommerso borgo di Curon distrutto e ricostruito più a monte. Il lago si trova in Val Venosta e si formò nel 1950, quando la costruzione di una diga unì due laghi naturali sommergendo l’intero paese di Curon Venosta con le sue 163 case. Nelle sue acque abbondano persici, lucci, salmerini e coregoni, sono perfette per il kite grazie ai venti che spirano costanti e i suoi dintorni sono ideali per il nordic walking. Per gli escursionisti più intrepidi, percorrendo l’Alta Via che attraverso il sentieri in quota è possibile ammirare un magnifico panorama sulla vallata.

Trulli della Valle d'Itria

Trulli della Valle d'Itria

Trulli della Valle d’Itria 

Alla scoperta della Valle d’Itria

La Valle d’Itria è una meta tipicamente estiva ma tutti sappiamo quanto siano affollati i suoi borghi meravigliosi da giugno ad agosto. Perché allora non andare alla scoperta dei suoi angoli mozzafiato in un periodo in cui oltretutto le temperature concedono un po’ di respiro? Alberobello, Locorotondo, Cisternino e Martina Franca: tra pale di fichi d’india e caratteristici muretti fatti di sassi forati, la valle è uno spettacolo per gli occhi e per il cuore e offre di tutto di piu, dall’arte alla natura, fino alle prelibatezze della gastronomia. I trulli sono costruzioni tipiche della zona uniche al mondo e i colore bianco accecante di vicoli e case dona ad ogni scorcio un che di fatato.

Relax alle terme di Bucarest

Per chi vuole concedersi un weekend lungo fuori dalla penisola, le terme di Bucarest sono la destinazione low cost ideale. Situate a nord della città, a brevissima distanza dall’aeroporto internazionale Otopeni, fanno parte di un complesso interamente dedicato al benessere, molto moderno e all’avanguardia, amatissimo da persone di tutte le età. Docce emozionali, piscine, idromassaggi di tutti i tipi e persino un bar affacciato a bordo vasca, per gustare un cocktail o una birra immersi nelle calde acque termali. Cosa volere di più? L’ambiente che ospita le Therme Bucuresti ha una temperatura interna di 29-30 gradi, e una temperatura dell’acqua di 33 gradi costante. L’acqua sgorga dal sottosuolo e alimenta 10 piscine, 6 saune, 4 bagni turchi e 16 scivoli. Non perdetevi il fascino del tramonto dalla piscina esterna. Al ritorno a casa vi sentirete rinati.

Palmeral de Elche, Spagna

Palmeral de Elche, Spagna

Palmeral de Elche, Spagna 

Alicante e palmeto di Elche

La Costa Blanca a sud di Valencia, è una destinazione low cost che offre moltissimo, sia in termini culturali che di svago. Dopo aver dedicato due giorni alla visita di Alicante – cittadina deliziosa affacciata sul mare, con strade strette, case colorate e una vivace vita notturna – un’altra località molto popolare della regione e Elche, particolarmente conosciuta per il suo magnifico palmeto, il Palmeral de Elche, Patrimonio UNESCO dell’Umanità nel 2000. Risale all’epoca preistorica, ma fu solo durante l’epoca musulmana che raggiunse lo splendore di giardino. Oggi ospita oltre 200.000 palme ed un autentico spettacolo per gli occhi.

Città vecchia di Sarajevo, Bosnia-Erzegovina

Città vecchia di Sarajevo, Bosnia-Erzegovina

Città vecchia di Sarajevo, Bosnia-Erzegovina 

La poesia di Sarajevo

Da qualche mese da Roma parte due volte alla settimana un volo diretto della compagnia aerea FlyBosnia per Sarajevo, con biglietti a partire da 59 euro a tratta. Un’ottima ragione per visitare la capitale della Bosnia-Erzegovina, piccola città sul fiume Miljacka circondata dalle Alpi Dinariche, protagonista di una pagina di Storia tra le più dure – il lungo assedio subìto durante la guerra di Bosnia e la dissoluzione della Jugoslavia –  ma che proprio in virtù del suo passato ha maturato un fascino e una poesia unici al mondo. Conosciuta anche come la “Gerusalemme d’Europa”, Sarajevo è una delle poche grandi città europee ad avere una moschea, una chiesa cattolica, una chiesa ortodossa e una sinagoga nello stesso quartiere. La città è riconducibile alla preistoria e nel cuore del suo centro storico si trovano musei come quello dedicato all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando nel 1914, che ha scatenato la prima guerra mondiale.

- Advertisement -spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img
Latest News

Neuralink inserirà il suo chip nel cervello di un secondo paziente

Neuralink è pronta a inserire per la seconda volta il suo impianto cerebrale in un essere umano. Secondo quanto...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img