mercoledì, Maggio 22, 2024

Nuova BMW Serie 7, in Europa debutta l'elettrica i7

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

BMW ha portato al debutto la nuova generazione della Serie 7, la sua ammiraglia. Un modello che cambia radicalmente rispetto al passato e non solo a livello di design. In Europa, infatti, debutterà inizialmente solamente la versione elettrica i7. Negli Stati Uniti, in Cina e in altri Paesi selezionati, oltre all’elettrica saranno offerti due modelli dotati di un motore benzina con tecnologia Mild Hybrid. Ma la nuova Serie 7 sarà proposta anche in versione Plug-in ma solo dall’inizio del 2023.

Ci sarà anche una variante M dotata di un 6 cilindri Plug-in. In Europa sarà commercializzata pure una motorizzazione diesel Mild Hybrid. E parlando dell’elettrica i7, nel corso del tempo saranno lanciate diverse varianti compresa la più performante BMW i7 M70 xDrive. Il debutto sul mercato è atteso per novembre. I prezzi per il mercato italiano non sono ancora stati resi noti.

La nuova BMW Serie 7 sarà costruita nello stabilimento di Dingolfing. In questo sito saranno prodotti anche il powertrain e le batterie per la i7.

DESIGN ED INTERNI


image

BMW ha voluto proporre per la nuova Serie 7 uno stile di rottura. Alcuni elementi del suo look erano già attesi visto che questa vettura avevamo avuto modo di vederla più volte durante i test di sviluppo, anche se la carrozzeria appariva camuffata. Frontalmente spicca il nuovo doppio rene, più grande del passato e allungato verso il basso che sicuramente farà discutere. Elemento atteso, così come i nuovi fari sdoppiati già visti all’interno del restyling della BMW X7.

Sopra troviamo le luci di posizione, mentre sotto gli anabbaglianti e gli abbaglianti. Il maxi doppio rene si può illuminare grazie alla funzione Iconic Glow. I modelli M potranno contare su un look un po’ più sportiveggiante. Oltre ad una serie di dettagli aerodinamici dedicati, si caratterizzeranno per i terminali di scarico a vista (modelli endotermici).

La fiancata presenta un look abbastanza “classico”, mentre dietro possiamo notare il design molto sottile dei nuovi gruppi ottici. Il modello elettrico i7 sarà riconoscibile per alcuni elementi specifici come la mascherina chiusa e dettagli di colore blu. Nuova BMW Serie 7 misura 5.391 mm lunghezza x 1.950 mm larghezza x 1.544 mm altezza, con un passo di 3.215 mm. Rispetto al passato non è prevista alcuna versione dotata di un passo più lungo. La capacità di carico è di 540 litri, 500 litri per la versione elettrica.

L’abitacolo offre tanto lusso ma pure moltissima tecnologia. L’entrata e l’uscita dall’auto è resa molto più agevole grazie alla possibilità di disporre delle portiere automatiche. La plancia è dominata da un ampio pannello al cui interno troviamo il display da 12,3 pollici della strumentazione e quello da 14,9 pollici del sistema infotainment. La piattaforma è la ben nota iDrive 8 ed è presente il supporto alla connettività 5G.

Sulla BMW Serie 7 debutta anche la BMW Interaction Bar. Si tratta di una fascia retroilluminata che si estende da una portiera all’altra e che dispone di superfici touch che possono essere personalizzate attraverso la funzione MyModes. E come aveva anticipato un teaser, la nuova ammiraglia offre ai passeggeri posteriori un maxi schermo da ben 31 pollici con risoluzione fino a 8K chiamato BMW Theatre Screen.

Grazie all’integrazione con Amazon Fire TV sarà possibile accedere ad una serie di contenuti in streaming oltre ad avviare dei giochi veri e propri. L’audio è garantito da un sistema Bowers & Wilkins 4D con 36 diffusori. Ampie, ovviamente, le possibilità di personalizzazione per quanto riguarda le finiture degli interni. In tema comfort, i passeggeri posteriori possono disporre di sedili reclinabili con poggiapiedi Executive Lounge.

BMW I7: MOTORI E AUTONOMIA


image

Inizialmente, la BMW i7 sarà proposta nella versione xDrive60 con doppio motore elettrico in grado di erogare complessivamente 400 kW (544 CV) con 745 Nm di coppia. La batteria presenta una capacità netta di 101,7 kWh e può essere ricaricata, in corrente continua, fino ad una potenza di picco di 195 kW. In corrente alternata, invece, fino a 11 kW. L’autonomia, secondo il ciclo WLTP, arriva fino a 625 km (590-625 km).

Molto buone le prestazioni. La velocità massima è limitata elettronicamente a 240 km/h, mentre per passare da 0 a 100 km/h servono appena 4,7 secondi. Più avanti arriverà la versione BMW i7 M70 xDrive da 485 kW (660 CV) con 1.000 Nm di coppia. Per questo modello si parla di un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi.

ANCHE PLUG-IN


image

BMW ha annunciato un’intera gamma di motorizzazioni endotermiche per la sua nuova Serie 7, dotate delle tecnologie Mild Hybrid o Plug-in. Per il mercato europeo arriverà la BMW 740d xDrive caratterizzata da un 6 cilindri diesel di 3 litri Mild Hybrid da 210 kW (286 CV) con 650 Nm di coppia. Velocità massima di 250 km/h (limitata elettronicamente) e 0-100 km/h in 6,3 secondi. Dovrebbe arrivare nella primavera del 2023.

Sempre il prossimo anno arriveranno le varianti Plug-in, la 750e xDrive e la M760e xDrive. Entrambe disporranno di un 6 cilindri benzina di tre litri abbinato ad un motore elettrico. Potenze, rispettivamente, di 360 kW (490 CV) con 700 Nm di coppia e di 420 kW (571 CV) con 800 Nm di coppia. Velocità massima in entrambi i casi di 250 km/h limitata elettronicamente. 0-100 km/h in 4,9 secondi e in 4,3 secondi. La batteria da 18,7 kWh permette un’autonomia in elettrico di 80-89 km e 80-84 km rispettivamente.

I modelli BMW i735, 740i e 760i xDrive non saranno disponibili in Europa.

PRONTA PER IL LIVELLO 3 DI GUIDA ASSISTITA


image

Nuova BMW Serie 7 dispone anche di avanzati sistemi ADAS. In particolare, il marchio tedesco ha evidenziato che la sua ammiraglia è pronta per il Livello 3 di guida assistita. Funzionalità che sarà resa disponibile in futuro attraverso gli aggiornamenti OTA. A livello hardware, comunque, è già tutto pronto.

Per il momento, l’ammiraglia potrà contare su ADAS di Livello 2 (qui spieghiamo i diversi livelli della guida autonoma).

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

L'intelligenza artificiale potrebbe sostituire 200mila dipendenti pubblici italiani

Più della metà dei dipendenti pubblici italiani vedrà la propria attività fortemente impattata dall’intelligenza artificiale. Lo certifica la ricerca...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img