mercoledì, Maggio 22, 2024

Il programma di riparazione fai-da-te di Apple

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Scatta ufficialmente negli Usa il programma di riparazione fai-da-te di Apple che consente di poter ordinare pezzi ufficiali di ricambio e istruzioni per sostituire componenti difettosi all’interno dei dispositivi della mela morsicata, senza doversi recare presso i punti di assistenza sul territorio. Quel che salta subito all’occhio osservando i prezzi americani è che questa procedura propone sostanzialmente gli stessi costi dell’assistenza tradizionale, tuttavia conviene se, contestualmente ai ricambi e alle istruzioni ricevuti, si restituiscono i componenti rimpiazzati. Il servizio dovrebbe sbarcare anche da noi in Italia nei prossimi mesi.

Il programma di riparazione fai-da-te di Apple (Self Service Repair) è stato annunciato lo scorso novembre e, come comunicato sul sito ufficiale, debutta sul territorio statunitense con oltre 200 pezzi di ricambio – si parte con schermi, batterie e fotocamere – per riparare i vari modelli di iPhone 12, iPhone 13 e iPhone Se di terza generazione seguendo le istruzioni ufficiali e utilizzando specifici strumenti inclusi nei kit; nei prossimi mesi si aprirà anche ai Mac con piattaforma proprietaria Silicon. Come funziona il servizio? Ci si collega sulla pagina sul sito ufficiale, si seleziona il prodotto da riparare e il componente interessato, per poi ritirare il tutto nei centri autorizzati. I pezzi di ricambio sono tutti certificati Apple, gli stessi che vengono utilizzati quando si ricorre all’assistenza. Dando un’occhiata al listino, anche i prezzi sono quasi gli stessi: per esempio per batteria e cacciavite sono identici e solo qualche dollaro più cari per i display.  La motivazione riguarda anche lo scoraggiare utenti poco esperti a lanciarsi in riparazioni che potrebbero alla fine danneggiare il dispositivo.

Che senso ha, dunque, fare da sé con tutti i rischi che ne comporta, quando si paga lo stesso che con l’assistenza fornita da professionisti? La grande differenza arriva quando contestualmente alla riparazione si restituiscono i pezzi cambiati, visto che si ottiene un credito piuttosto sostanzioso come 24,15 dollari (23 euro circa) per la batteria o 33,60 dollari (32 euro circa) per il display. 

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

L'intelligenza artificiale potrebbe sostituire 200mila dipendenti pubblici italiani

Più della metà dei dipendenti pubblici italiani vedrà la propria attività fortemente impattata dall’intelligenza artificiale. Lo certifica la ricerca...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img