mercoledì, Maggio 22, 2024

Si è spento Vittorio Ducrot, pioniere dei viaggi di alta gamma in Italia

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Si è spento in questi giorni Vittorio Ducrot, vero pioniere dei viaggi di alta gamma in Italia. A farne un breve ma intenso ritratto è il figlio Enrico, che ha preso le redini di quei Viaggi dell’Elefante che lo stesso Vittorio aveva fondato quasi 50 anni fa: “E’ con grande tristezza che annuncio la scomparsa a 89 anni di Vittorio Ducrot, per gli amici Vicky. Papà rappresenta la storia del viaggio di alta gamma nel mondo – racconta Enrico -. Nato a Palermo, a due anni già viaggiava sul transatlantico Rex dall’Italia per New York: il Rex era stato arredato da suo nonno, in particolare il ponte di prima classe. Dopo il collegio in svizzera si laurea in legge ed entra in Klm, in Nord Africa e poi a Roma. E’ proprio con la Klm, come socio fondatore, che papà fonda nel 1973 Viaggi dell’Elefante. L’intento era quello di creare un tour operator che sapesse guidare le agenzie di viaggio e i loro clienti verso mete di tutto il mondo (Americhe, Africa, Asia, Medio Oriente…) visitando i luoghi più importanti senza rinunciare alla comodità”.

L’India è stata la sua grande passione – prosegue Enrico -: 66 viaggi in totale. Conosceva le distanze, i chilometri esatti tra due mete che al 99% degli operatori indiani erano completamente sconosciute. Lo chiamavamo Vickypedia. Lavorare con lui è stato un immenso privilegio. Solo chi, la seconda generazione e i più stretti collaboratori, ha l’onere e l’onore di stare a fianco del fondatore può comprendere le sfide che il settore del turismo ha vissuto negli ultimi 40 anni: ogni cinque/sei anni una rivoluzione, continua. Da qualche anno Vittorio aveva dovuto rinunciare suo malgrado, per ragioni di salute, a venire in ufficio. Ma ogni giorno parlavamo dell’azienda, delle nuove sfide, del tremendo periodo del Covid e negli ultimi mesi della veloce ripartenza del settore: consigli, idee, confronti appassionati, lucidi, pieni di passione e saggezza. Il viaggio è stato un elemento fondamentale della sua vita, come la sua azienda, e una comunità sparsa in tutto il mondo che gli ha voluto bene. Come un amico e una guida. Occorrerebbe un libro, per raccontare papà. Certamente ne varrebbe la pena”.

La redazione tutta di Travel Quotidiano si stringe attorno a Enrico, alla famiglia Ducrot e a tutto il team dei Viaggi dell’Elefante in questo momento difficile. Le esequie sono in programma mercoledì 4 maggio alle 16, presso Sant’Agostino in Campo Marzio a Roma.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Neuralink inserirà il suo chip nel cervello di un secondo paziente

Neuralink è pronta a inserire per la seconda volta il suo impianto cerebrale in un essere umano. Secondo quanto...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img