martedì, Maggio 21, 2024

Euphemia al Tove di Roma: un’occasione per tornare a fare veramente gli agenti di viaggio

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Da sinistra, Ezio Barroero e Michele Zucchi

Nonostante i timidi segnali di ripresa, i ricavi delle agenzie stentano a decollare, come spesso rilevato dagli analisti e denunciato dalle associazioni di categoria. “Non è un mistero che il numero degli agenti di viaggio si sia ridotto almeno del 50% in questi ultimi otto/dieci anni – dichiara Ezio Barroero, presidente Lab Travel Group –. E la causa non è né il Covid, né la guerra. Il cambiamento epocale di questi anni deriva in gran parte dall’ingresso di player internazionali che hanno investito immensi capitali in tecnologia e dalle scelte di operatori che, proponendo interfacce semplici da utilizzare e prodotti facili da prenotare, hanno piano piano portato a ridurre non solo il ruolo ma anche il senso stesso dell’intermediazione. Il risultato è un prodotto sempre più standardizzato, adatto a intercettare il mass-market, ma poco incline a rispondere alle esigenze della fascia di mercato alto-spendente e di tutti coloro che ancora apprezzano il valore aggiunto della consulenza garantita da un agente di viaggio”.
Euphemia, marchio di Lab Travel Group, mira a rispondere a questa deriva e tende una mano agli agenti di viaggio dando loro la possibilità di liberarsi totalmente dei costi fissi, valorizzando al massimo la loro esperienza e la loro professionalità, senza porre vincoli su tipologie di prodotto da vendere, fornitori da utilizzare e modalità operative da seguire per raggiungere il cliente.

“In Euphemia – prosegue Barroero – puntiamo proprio sull’agente di viaggio, perché crediamo che solo un professionista esperto e preparato, che ascolta e conosce perfettamente il suo cliente, i suoi gusti, i suoi hobby e addirittura le preferenze dei suoi figli, è in grado di individuare la migliore soluzione da proporre: nessuna piattaforma, nessuna intelligenza artificiale può raggiungere questo obiettivo. Ecco perché lasciamo all’agente la massima libertà di scelta tra le proposte dei vari fornitori, dandogli, se necessario, gli strumenti per procedere a organizzare direttamente il viaggio: il nostro agente è libero da qualsiasi condizionamento, se non quello della soddisfazione del suo cliente”.

In Euphemia l’agente di viaggio, che prende il nome di personal voyager, può contare sul supporto di una struttura di 35 addetti nelle sedi di Cuneo e Reggio Emilia per tutte le incombenze amministrative, contabili, burocratiche, legali e contrattualistiche, con guadagni certi per ogni pratica confermata: tutti i costi, proprio tutti, sono a carico di Euphemia.

“Con Euphemia – aggiunge Michele Zucchi, a.d. Lab Travel Group – ci rivolgiamo ad agenti di viaggio che, oltre all’esperienza consolidata, hanno un portafoglio clienti e che vogliono tornare a fare quello che sanno fare meglio, liberandosi dalle incombenze legate alla gestione diretta del punto vendita. I nostri personal voyager possono altresì operare nelle filiali messe a disposizione da Euphemia senza alcun costo per loro. Al momento ne abbiamo una cinquantina sul territorio, concepite come spazi di co-working, ideali anche per incontrare clienti e fornitori. Euphemia oggi è un’opportunità unica sul mercato: la realtà più attuale e competitiva per i migliori agenti di viaggio. Proprio per questo, saremo al Tove all’interno del Roma Travel Show il 6 e il 7 maggio prossimi”.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Olimpiadi, i progetti di Visa per Parigi 2024

Mancano poco più di due mesi alla cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di Parigi, una nuova edizione dei giochi...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img