mercoledì, Luglio 24, 2024

7 curiosità per ricordare la serie tv de l'Incredibile Hulk

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Il 12 maggio 1982 si concludeva, dopo cinque stagioni, la trasposizione televisiva dei comics Marvel creati da Stan Lee e Jack Kirby dedicati a L’incredibile Hulk con Bill Bixby nei panni di un ricercatore in fuga e Lou Ferrigno in quelli del suo alter ego enorme e aggressivo, conseguenza dell’esposizione ai raggi gamma. In Italia è stata, assieme a Wonder Woman, la serie ispirata ai fumetti più apprezzata dello scorso secolo, un vero e proprio classico un po’ kitsch della popculture per la generazione cresciuta negli anni ’80. Kenneth Johnson, produttore dello show passato alla Storia del piccolo schermo come l’autore di V – Visitors, La donna bionica e Alien Nation – riuscì a trasformare un fumetto per ragazzini ritenuto poco edibile per il grande pubblico, in successo, sfruttando le influenze di tre classici della letteratura. 

Content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Hulk evocava il mostro di Frankenstein, la doppia personalità di Banner riprendeva Dr. Jekyll e Mr. Hyde, mentre il tema dell’inseguimento – il reporter che dà la caccia a Banner – era ispirato da I miserabili. Ecco altre curiosità, dietro le quinte e aneddoti su questo cult televisivo.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Meta. con Llama 3.1 vuole portare l’AI nell’era dell’open source

"Credo che l'intelligenza artificiale si svilupperà in modo simile – scrive Zuckerberg nella sua lettera –. Oggi diverse aziende...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img