venerdì, Maggio 20, 2022

Un chirurgo italiano è a processo in Svezia per alcuni di trapianti di trachea biotech

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Ci deve essere stata una componente di seduzione intellettuale da parte di Macchiarini” commenta Bo Risberg, professore emeritus ed ex presidente del comitato etico della ricerca svedese, che lo aveva definito il Chernobyl dell’etica, e fu uno dei primi a sollevare critiche durissime verso i vertici del Karolinska disapprovandone la condotta etica.

Il “fattaccio” Macchiarini travolse i vertici del Karolinska Institute, dove il nome del chirurgo è ora taboo. Caddero teste (l’allora rettore, che aveva difeso una dubbia pubblicazione scientifica su Lancet di Macchiarini condivisa con molti altri autori svedesi e internazionali; Urban Lendahl, segretario generale dell’Assemblea Nobel, che aveva sostenuto il reclutamento di Macchiarini nel 2010) e furono ritirate pubblicazioni, di cui due su Lancet. E soprattutto, Macchiarini fu definitivamente defenestrato, ufficialmente per incongruenze nel curriculum. 

Il medico del papa

Macchiarini non sedusse solo i colleghi medici di mezzo mondo. Poco prima che la sua fama cominciasse a sgretolarsi, nel 2013, il medico venne intervistato da una giornalista americana sui suoi successi in sala operatoria. I due iniziarono una relazione e Macchiarini, ancora sposato in Italia, presto si propose facendo credere alla malcapitata di essere il medico personale di personaggi del calibro di Obama e del papa. E proprio grazie a queste amicizie, Macchiarini le fece credere che il matrimonio sarebbe stato celebrato a Roma proprio dal papa. Una serie di eventi aprirono gli occhi alla giornalista che rilasciò un’intervista a Vanity Fair su altri aspetti caratteriali del personaggio Macchiarini.

In queste settimane, oltre a Macchiarini, diverse altre persone sono chiamate a testimoniare al processo. ”C’è molto in gioco – ha commentato Gerdin -. Questo processo processo fa parte di una questione più generale su chi dovrebbe stabilire i confini tra medicina e legalità. Fino a che punto dovremmo fidarci che le istituzioni ospedaliere e della scienza interrompano gli interventi medici se si rivelano pericolosi? Quando il sistema giudiziario dovrebbe dire basta?” Gerdin è preoccupato che se Macchiarini fosse assolto, questo potrebbe creare un precedente per altri medici che vogliono agire in zone etiche grigie.

Il processo

Macchiarini nega ogni illecito. Ha presenziato accanto al suo avvocato Björn Hurtig, anche difensore di Julian Assange, in abito blu scuro, camicia bianca e cravatta blu. “Sono stato in silenzio durante tutti questi anni su consiglio del mio avvocato”, ha raccontato, dando conto del suo percorso professionale, per diventare un chirurgo toracico: “A Parigi mi sono innamorato delle vie aeree durante la specializzazione quando ho incontrato bambini che stavano per morire per le malattie che insorgevano nelle vie respiratorie”. E su una lavagna ha disegnato una trachea e spiegato in dettaglio alla corte e al pubblico, spesso sorridendo, come si lavora e dove si dovrebbero praticare le incisioni chirurgiche. 

Secondo l’avvocato Hurtig, Macchiarini ha dedicato la sua vita alla cura dei pazienti bisognosi di cure e le operazioni eseguite sui pazienti del Karolinska University Hospital sono state eseguite per salvare le loro vite in modo compassionevole. Hurtig sta improntando la difesa sul fatto che il suo assistito non può essere ritenuto l’unico responsabile delle operazioni sotto accusa. Le operazioni sono state eseguite e pianificate come un lavoro di squadra con diverse persone coinvolte. Sostiene che Macchiarini non abbia né deciso né effettuato personalmente questi interventi. Più persone, professionalmente preparate, hanno partecipato al processo decisionale e alle operazioni. Hurtig sottolinea che i trattamenti alternativi sono stati costantemente discussi, e che molti dei medici coinvolti hanno convenuto che operare con una trachea biotech fosse più ragionevole. Il processo si dovrebbe chiudere il 23 maggio.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Una Ferrari tutta nuova

La Formula 1 torna in Europa per il Gran Premio di Barcellona domenica 22 maggio alle 15 e la...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img