giovedì, Luglio 25, 2024

Come scegliere l'interfono per moto più adatto per te

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Nella stagione delle gite, sfrecciare in moto verso la destinazione agognata è una soddisfazione unica. Partire in compagnia è ancora meglio, ma serve un interfono per moto per godersi veramente un viaggio con un passeggero o con amici motociclisti. Questi dispositivi si agganciano al casco e stabiliscono un canale di comunicazione vocale privato con gli altri rider, ma non sono tutti uguali. Alcuni sono mirati agli appassionati di fughe del weekend, altri ai pendolari e altri ancora agli scooteristi urbani: ecco allora come riconoscere il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

A cosa serve l’interfono per moto

I prodotti di comunicazione per motociclisti non sono semplici telefoni né walkie-talkie; non lavorano in condizioni normali, e devono tenere conto di fattori ambientali fuori dal comune. Il primo è la distanza variabile tra i due punti di comunicazione, che può essere quella tra pilota e passeggero ma anche quella tra due piloti che possono allontanarsi tra loro anche di diverse centinaia di metri. Il secondo elemento principale di disturbo è il movimento dei mezzi impiegati, che sfrecciando ad alte velocità minano la stabilità del canale di comunicazione. Infine c’è il fatto che vengono utilizzati in una situazione dove non ci si può concedere distrazioni: l’idea è dunque che siano particolarmente facili da usare e diano l’impressione di parlare con persone comodamente sedute di fianco a noi.

Come funziona l’interfono per la moto

Di fatto, l’interfono per moto è una ricetrasmittente che si fissa all’esterno del casco e che si collega via cavo ad auricolari e microfono pensati per stare invece all’interno. La componente cruciale è però proprio quella esterna, che contiene anche una manciata di semplici controlli manuali pronti all’uso senza togliere il casco.

Questa tipologia di gadget viene spesso chiamata interfono bluetooth, ma la realtà è che questa tecnologia è solo uno dei sistemi wireless impiegati per il funzionamento. Lo standard bluetooth ha infatti una portata piuttosto limitata, e nei dispositivi che permettono di parlare con i piloti di altre moto le antenne utilizzate sfruttano spesso protocolli di comunicazione a più ampio raggio.

Cosa cercare in un interfono per moto

Le caratteristiche che maggiormente distinguono un prodotto da un altro (e incidentalmente contribuiscono a farne crescere il prezzo) sono principalmente quattro:

  • La velocità massima supportata dal sistema di comunicazione aiuta a capire se il gadget potrà essere usato per sfrecciare in autostrada o se potrebbe avere problemi.
  • La distanza massima tra gli interlocutori anticipa se il gadget è adatto a configurazioni a due tra pilota e passeggero, oppure se si può utilizzare anche tra piloti o in gruppi, e quanta libertà ciascuno si può concedere prima di essere “perso” dagli altri.
  • Le caratteristiche del canale di comunicazione cambiano notevolmente di prodotto in prodotto; quest’ultimo può essere a singola o doppia via, collegare due o più persone e, in quest’ultimo caso, può mettere in contatto tutti i membri liberamente o passare obbligatoriamente da un ospite principale.
  • La compatibilità con le varie tipologie di casco va conosciuta per sapere se il dispositivo si potrà fissare all’esterno e indossare all’interno dei propri sistemi di protezione.
  • Altri extra da tenere in considerazione sono il grado di resistenza all’acqua, la presenza di uno o due auricolari, processori speciali per ridurre l’impatto dell’audio ambientale sulle comunicazioni, l’integrazione con il telefono e l’autonomia.

I migliori in circolazione

Vien da sé che chi usa lo scooter in città portando occasionalmente amici o partner in sella non dovrà necessariamente spendere quanto un patito delle avventure di gruppo; detto ciò, trovare un prodotto di qualità a scatola chiusa può comunque essere arduo. Qui di seguito abbiamo selezionato i più gettonati e apprezzati per tutte le esigenze e tutti i portafogli; il prezzo mostrato è per la singola unità, ma tutti i modelli offrono la possibilità di acquistare un bundle da due o più ricetrasmittenti.

Tutti i prodotti sono selezionati in piena autonomia editoriale. Se acquisti uno di questi prodotti, potremmo ricevere una commissione.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Medusa uovo fritto, come riconoscerla e perché non dobbiamo temerla

È nota come medusa “uovo fritto” o anche come medusa Cassiopea, mentre il suo nome scientifico è Cotylorhiza tuberculata....
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img