domenica, Luglio 3, 2022

Durante la seconda prova della maturità si possono usare strumenti online o in cloud

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

La seconda prova degli esami di maturità 2022, a partire da quest’anno, sarà diversa per ogni corso di studi e verrà scelta dalle commissioni incaricate. Pertanto, il ministero dell’Istruzione ha fornito alcune linee guida sui materiali utilizzabili durante l’esame, in particolare, relativamente ai software e alle applicazioni consultabili unicamente online.

Con l’espandersi della digitalizzazione scolastica, soprattutto a seguito degli anni di didattica a distanza dovuti alla pandemia da coronavirus, scuole, studenti e studentesse hanno fatto sempre più ricorso a strumenti digitali e applicativi cloud, sia per fare lezione, sia per approfondire alcune temi dei percorsi di studio. È il caso, per esempio, degli indirizzi informatici o degli istituti che danno una formazione specifica relativa ai nuovi strumenti di grafica digitale, ma i vari strumenti a disposizione, come la suite Office 365 education, possono essere usati da tutte le scuole e in ogni materia.

È possibile usare gli applicativi in cloud durante la seconda prova dell’esame di stato?

Secondo le indicazioni sulla maturità riportate dal sito del ministero dell’Istruzione, gli strumenti online potranno essere usati esclusivamente nel caso in cui la prova, come scelta dalle commissioni, preveda anche l’utilizzo di applicativi in cloud per poter sviluppare il compito assegnato. Inoltre, perché l’uso degli applicativi possa essere autorizzato, questi strumenti devono essere già stati usati dagli studenti e dalle studentesse durante il percorso di studi.

Quali condizioni devono essere rispettate per usare gli applicativi in cloud?

Sarà possibile usare solo i dispositivi informatici – come computer o lavagne grafiche – forniti dalla scuola, che siano connessi a una sottorete creata appositamente dall’istituto per effettuare la seconda prova della maturità. I candidati dovranno autenticarsi al momento di utilizzare il dispositivo e tutte le loro interazioni in rete dovranno essere tracciate e monitorate. È assolutamente vietato usare dispositivi personali e connettersi tramite hotspot alla rete dei dispositivi personali. La connessione di rete interna dovrà essere attivata all’inizio della prova e disattivata allo scadere delle ore concesse.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Tutti al polo!

 In campo c’è anche Stefano Giansanti, capitano della nazionale italiana di polo che incontriamo prima della partita, e che...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img