domenica, Luglio 3, 2022

Ferrari, un impianto Fuel Cell da 1 MW per alimentare i suoi stabilimenti

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Ferrari ha dato poco presentato il suo nuovo piano industriale. Accanto al lancio dei nuovi modelli come il nuovo SUV Purosangue e all’ampiamento della sua fabbrica, Maranello ha focalizzato la sua attenzione sugli obiettivi di sostenibilità. In particolare, si punta a voler raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2030. Per questo, il Cavallino Rampante punterà sia sull’elettrificazione della sua gamma e sia sulla riduzione delle emissioni delle sue attività. Per esempio, installerà pannelli fotovoltaici e sistemi basati su celle a combustibile.

Adesso, arriva la notizia che la Ferrari ha fatto un ulteriore passo avanti nel suo percorso di sostenibilità grazie all’installazione di un nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile a ossido solido presso gli stabilimenti di Maranello.

IL 5% DEL FABBISOGNO ENERGETICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE


image

Questo impianto è stato realizzato da Bloom Energy e l’installazione si è conclusa da pochi giorni. Basandosi sui dati del fabbisogno energetico del 2021, il nuovo impianto Fuel Cell andrà a coprire il 5% dell’energia necessaria per sostenere l’attività produttiva. Il tutto, riducendo, ovviamente, il consumo di carburante e le emissioni.

Rispetto a 1 MW prodotto dai sistemi di cogenerazione CHP (Combined Heat and Power), il fabbisogno di gas del sistema fuel cell è infatti inferiore di circa il 20% con un notevole risparmio energetico.

image

Il nuovo impianto non solo è molto efficiente ma è pure flessibile. Infatti, è possibile scegliere tra diverse fonti energetiche: idrogeno, gas naturale, biometano o una loro combinazione. A tutto questo si aggiunge la riduzione, rispetto ai sistemi equivalenti, di oltre il 99% dell’inquinamento che causa la formazione di smog e particolato. Su questa importante novità, Benedetto Vigna, Amministratore Delegato di Ferrari, ha dichiarato:

Ferrari è più che mai focalizzata a diventare carbon neutral entro il 2030, attraverso l’adozione di tecnologie all’avanguardia e di un approccio scientifico che sono parte del nostro DNA. Siamo entusiasti di collaborare con Bloom Energy, visto il forte impegno comune per un processo di decarbonizzazione, e orgogliosi che il loro primo progetto in Europa sia stato realizzato con noi.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Tutti al polo!

 In campo c’è anche Stefano Giansanti, capitano della nazionale italiana di polo che incontriamo prima della partita, e che...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img