mercoledì, Giugno 29, 2022

La casa di carta: Corea è strabiliante

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Money Heist Korea: JEA Kim Ji-hun as Denver in episode # 1 of Money Heist Korea: JEA. Cr. Jung Jaegu/Netflix © 2021Jung Jaegu/Netflix

Le prime sei puntate sono narrate dall’idealista e disillusa Tokyo, suddivise tra un’esaustiva premessa che introduce lo spettatore straniero alla peculiare situazione politica coreana, successivamente presenta i personaggi coinvolti nel piano di “Gyosu” (il Professore) e si immerge nei seguenti, tesissimi episodi che costituiscono la cronaca della delicata convivenza tra i membri della banda e gli ostaggi, provenienti da entrambi i lati del confine. Alternando eventi contingenti e flashback sul passato di alcuni personaggi, il remake per molti versi ricordi l’originale europeo, ma non perde mai la propria indipendenza e unicità culturale espressa anche nelle dinamiche relazionali dettate dalla diffidenza e dai pregiudizi tra nord e sud.

Money Heist Korea JEA Yoo Jitae as Professor in episode  1 of Money Heist Korea JEA. Cr. Jung JaeguNetflix © 2021

Money Heist Korea: JEA Yoo Ji-tae as Professor in episode # 1 of Money Heist Korea: JEA. Cr. Jung Jaegu/Netflix © 2021Jung Jaegu/Netflix

Come le maschere che indossano i rapinatori si rifanno al teatro tradizionale coreano – la maschera Hahoe che indossano è quella che designa il personaggio del ricco e stupido – anche alcune figure secondarie si rifanno agli stereotipi dei k-drama: il capetto meschino e sfruttatore, il politico corrotto e bugiardo, il militare ottuso e così via. Eppure, nel suo essere tipicamente coreana, Money Heist: JEA, al pari di Squid Game, non è un tipico k-drama: è una serie originale Netflix che, a differenze della maggioranza presente sulla piattaforma, si sviluppa senza la collaborazione dei network locali, eludendo pertanto l’impianto e gli stilemi che caratterizzano i k-drama. Non è costretto nei codici, nelle regole e nella censura che limitano la rappresentazione di contenuti vietati ai minori (non si era mai visto un nudo maschile in una serie coreana!) in patria e questo, se da un lato può disturbare i seguaci delle serie di questo Paese, dall’altro fa di La casa di carta: Corea un ottimo prodotto anche agilmente fruibile dal pubblico internazionale.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

L'Alfa Romeo Giulia in 11 film polizieschi

L'Alfa Romeo Giulia nasce nel 1962, nel pieno del boom economico italiano del Dopoguerra. È una berlina elegante con...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img