lunedì, Luglio 15, 2024

Charlotte Perriand, l’architetta e designer che scalava le montagne

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Charlotte Perriand vertebra di pesce 1933

Charlotte Perriand, vertebra di pesce, 1933 ( foto Archives Charlotte Perriand)

A Milano, invece, si scopre un altro lato di Charlotte Perriand: la sua abilità come fotografa, appassionata di sport, di vette, di mare e, più in generale, dell’altrove. Perriand, che ha vissuto sei anni in Giappone – doveva fermarsi il tempo di allestire una mostra, ma la Seconda guerra alterò i suoi piani – e poi in Brasile al seguito del marito, dirigente di Air France, ha firmato uno dei progetti architettonici più assurdi e innovativi degli Anni 60: Les Arcs, la prima stazione sciistica di massa, progettata a piani sfalsati per consentire la stessa quantità e qualità di luce nelle stanze. La montagna aveva infatti una parte importante nella sua vita: l’autobiografia racconta di scalate, anche in condizioni estreme. Sono il barometro della mia salute, fisica e mentale, diceva. E infatti eccole, nelle sue foto, tra le quali la più famosa: lei, con i pantaloni da sci ma a schiena nuda, le braccia levate al cielo davanti alle cime della Savoia. 

Charlotte Perriand in Savoia 1930

Charlotte Perriand in Savoia, 1930 (foto Archives Charlotte Perriand)

La mostra continua: selezionate dai suoi archivi ci sono anche le immagini scelte dalla serie Art Brut. Si tratta degli oggetti che trovava sulle spiagge della Normandia, magari la colonna vertebrale di un pesce, che poi fotografava in studio in modalità still life, trasformandoli in opere d’arte. Ma ci sono anche i paesaggi marittimi – Perriand era una formidabile nuotatrice – e le città. Nella mappa della designer compaiono Croazia, Inghilterra, Parigi e il Giappone: sarà la sua voce, nel documentario, a contestualizzare le tappe di una vita.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

La tuta spaziale che trasforma l’urina in acqua potabile

Immaginate di indossare una tuta spaziale e, nel bel mezzo di una passeggiata lunare, di avere bisogno urgentemente del...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img