sabato, Agosto 13, 2022

Honda Civic e:HEV 2022: prova e consumi della compatta full-hybrid | Video

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Passano gli anni, cambiano le tecnologie ma la Honda Civic continua a rimanere un punto di riferimento nel mondo automobilistico, con oltre 50 anni di storia, 27,5 milioni di unità vendute e ben dieci generazioni alle spalle. Si è così arrivati alla undicesima generazione, probabilmente l’ultima ad adottare ancora dei motori endotermici (in parte) prima del passaggio definitivo all’elettrico. Lei però nasce completamente ibrida, con tecnologia e:HEV ibrida full già vista nel mondo Honda, con un design innovativo, una qualità mai vista prima e la tipica attenzione alla dinamica di guida che da sempre caratterizza il costruttore giapponese. Prezzi a partire da 34.200 euro, con le prime consegne previste per l’autunno 2022.

Ogni nuova Civic porta con sé un grosso carico di aspettative e con quest’ultima generazione abbiamo puntato ad arricchire le sensazioni, le emozioni e la vita quotidiana di tutti i passeggeri.

commenta Tomoyuki Yamagami, Large Project Leader di nuova Civic e:HEV.

La strategia di elettrificazione di Honda punta così ad introdurre oltre 30 modelli globali completamente elettrificati entro il 2030, includendo anche due vetture sportive elettriche dalle elevate prestazioni.

PIATTAFORMA E DIMENSIONI

La Honda Civic e:HEV di undicesima generazione sfrutta una piattaforma tecnologica e moderna, evoluta a partire da quella già presente con la passata generazione. È stata rinforzata dal punto di vista della torsione – +22% rispetto alla Civic attuale, sui livelli di Civic Type R – senza però risultare più pesante (1.520 kg a secco). Completamente nuova la disposizione delle componenti, così da ospitare ora una meccanica ibrida full, al debutto ora su questo modello, abbandonando i tanto amati motori Turbo VTEC 1.0 e 1.5, incluso l’efficiente Diesel 1.6.

imageimage

Rispetto al modello uscente sono state aumentate le dimensioni, è ora infatti 4,55 metri di lunghezza (+ 3 cm) per 1,80 m di larghezza, mentre è stato decisamente abbassato il tetto, per un’altezza complessiva di 1.41 metri, la più bassa del segmento. Cresce ora anche il passo, 2,73 metri, con un’aggiunta di 3,5 mm rispetto al modello del 2017. Nonostante non cambi la larghezza, sono state aumentate le carreggiate (+18 mm), così da fornire, insieme al passo maggiorato, una miglior tenuta di strada e stabilità anche a velocità sostenute. Riviste poi le proporzioni, con un cofano più basso (-25 mm) e allungato con montanti A arretrati, a beneficio dell’aerodinamica, oltre a specchietti ora collocati direttamente sulla portiera, per non compromettere la visuale nel 3/4 anteriore. Sono stati aggiornati i giunti sferici delle sospensioni, così come gli ammortizzatori anteriori (non più a controllo elettronico), per donare miglior stabilità e maggior capacità di smorzamento delle vibrazioni.

MECCANICA IBRIDA e:HEV


image

Con Civic si completa il processo di elettrificazione di tutte le gamme dei modelli di Honda, seguendo i passi di Jazz, HR-V e CR-V. Anche lei sfrutta un sistema ibrido full e:HEV, già visto anche nei citati modelli, pensato per massimizzare il rendimento, ridurre consumi ed emissioni e non intaccare il piacere di guida. Come sul SUV CR-V, anche Civic adotta una meccanica capitanata dal nuovo 2.0 4 cilindri aspirato a ciclo Atkinson con iniezione diretta 145 CV e 186 Nm di coppia), abbinato a due unità elettriche (moto generatore e motore elettrico) capaci di lavorare, tra di loro, in modalità in serie, in parallelo o in serie-parallelo. La potenza complessiva di sistema si attesa a 135 kW (184 CV) per una coppia massima di ben 315 Nm.


Honda CR-V Hybrid AWD: prova, consumi reali e come funziona l'ibrido serie | Video


Auto
15 Dic

Le tre unità possono quindi lavorare in modalità EV Drive, con il motore elettrico che fornisce trazione alle ruote anteriori mentre il motore termico, tramite il generatore, ricarica la batteria. È presente poi la Engine Drive, in cui il motore termico, tramite una frizione di blocco, agisce direttamente sull’assale anteriore, fornendo trazione alle ruote, specialmente in autostrada. Infine, in modalità Hybrid Drive, il motore elettrico principale e quello a benzina forniscono contemporaneamente motricità alle ruote anteriori, quando ad esempio è richiesta massima spinta. Il sistema lavora anche in modalità serie-parallelo, in cui il motore a benzina agisce direttamente sulle ruote mentre ricarica la batteria la quale, in contemporanea, alimenta il motore elettrico che supporta la spinta. Il tutto è gestito dalla PCU, in maniera automatica sulla base delle richieste del guidatore, passando attraverso una trasmissione a rapporto fisso, priva di frizioni.

Grazie alla tecnologia e:HEV leader nel settore e agli avanzati sistemi di sicurezza, Civic è ora una valida soluzione per i clienti che vogliono abbracciare la nuova era dell’elettrificazione. Credo che sia i clienti attuali che quelli futuri saranno sorpresi da quest’ultima generazione di Civic, e dall’evoluzione compiuta

Spiega Tomoyuki Yamagami, Large Project Leader di nuova Civic e:HEV.

Il nuovo motore endotermico, rivisto rispetto a quello di CR-V è ora in grado di raggiungere un’efficienza termica del 41%, quasi un record per l’industria automobilistica. I tre motori sono collocati nella zona anteriore dell’auto, così come l’unità di controllo PCU che gestisce il funzionamento del motore termico. La batteria da circa 1 kWh con 72 celle è collocata sotto alla panca posteriore e alimenta i due motori elettrici. È ora più piccola e leggera rispetto a quelle utilizzate in passato, ma con una maggior densità energetica (+46% rispetto ad Honda CR-V).

TECNOLOGIA


image

Grande spinta anche lato tecnologia per nuova Civic e:HEV, puntando a diventare un riferimento del settore delle hatchback. Non si può non menzionare, di serie, sul primo allestimento Elegance il pacchetto sicurezza Honda Sensing, fornendo come standard una guida semi-assistita di secondo livello. Nella zona superiore del parabrezza è così disponibile una nuova telecamera a 100°, capace di rilevare in maniera più nitida pedoni, biciclette, segnaletica orizzontale e verticale, altri veicoli e tutto ciò che può apparire sulla strada. Sono poi presenti quattro sensori sonar al frontale e quattro nel posteriore, fondamentali nei parcheggi.

Lato ADAS, rispondono presente la frenata automatica di emergenza, il sistema di mantenimento attivo della corsia, il cruise control adattivo i-ACC e il monitoraggio dell’angolo cieco, continuando con il monitoraggio del traffico in manovra e l’assistenza al cruise control anche nel traffico (Traffic Jam Assist).

Migliorata anche la sicurezza passiva con elementi di rinforzo della piattaforma, sia da urti laterali ma anche frontali e superiori, con un totale di 11 airbag, inclusi quelli per le ginocchia dei passeggeri anteriori, per la testa e uno previsto per dividere le spalle dei passeggeri frontali.

INTERNI


image

Grande slancio tecnologico anche per l’abitacolo, dove viene abbandonata l’impostazione “pesante” del passato modello a favore di una maggior pulizia estetica, figlia dei gusti europei. Lo sviluppo è ora principalmente orizzontale, con una griglia in stile Vintage che percorre da parte a parte il cruscotto, sopra al quale si staglia una copertura in plastica morbida, dall’elevata qualità. Sotto ad essa sono presenti i comodi e chiari comandi per la gestione del clima automatico, con rotori fisici dall’ottima consistenza e alcuni display per selezionare la temperatura desiderata. Sotto ancora è presente un comodo pozzetto svuota tasche in cui si nasconde al ricarica ad induzione per lo smartphone. Sono poi presenti due prese USB tradizionali e una presa da 12 V.

In alto, in bella vista appare il nuovo sistema dell’Infotainment Honda Connect già visto anche su Honda HR-V, con un display da 9,0″ di diametro e alcune scorciatoie fisiche nella zona di sinistra. Non particolarmente accattivante come grafiche ma completo del necessario, includendo la compatibilità con Apple Carplay e Android Auto, anche wireless, e connesso in rete, con aggiornamenti OTA e hotspot WI-FI. Da questo si può controllare il flusso energetico e tenere traccia dei consumi dell’auto.

Di fronte al volante appare poi una strumentazione analogico-digitale da 9″ o completamente digitale da 10,2″ di diametro (di serie con l’allestimento Advance), con un display LCD ad alta risoluzione, utile per consultare tutte le principali informazioni durante la marcia. Non è però intercambiabile con il sistema multimediale.

Sorprendente poi la spazio nel posteriore, dove i 35 mm extra del passo sono stati interamente dedicati alle gambe dei passeggeri. Ora si vanta uno spazio record per il settore, anche per chi è alto più di 1,90 m. Non male il margine della testa, considerando l’ingombro della batteria e il tetto spiovente. Notevole anche il bagagliaio, a partire da 410 litri, davvero capiente, con una cappelliera che si arrotola orizzontalmente e una bocca d’accesso verticale sorprendente.

PROVA SU STRADA


image

In un colpo solo, Honda manda in pensione 3 motori su Civic, l’1.0 turbo, l’1.5 VTEC Turbo e l’1.6 Diesel. Al loro posto arriva l’unica meccanica ibrida e:HEV da 184 CV e 315 Nm di coppia massima. Si tratta di un gruppo moto-propulsore che promette consumi ed emissioni inferiori all’1.0, prestazioni migliori dell’1.5 (con uno 0-100 km/h di soli 7,8 secondi) e una coppia maggiore del diesel. È soddisfacente da guidare, con una spinta corposa e il rivisto sistema e-CVT annulla il fastidioso effetto scooterone dei cambi a variazione continua. Così, è anche simulata la presenza di rapporti, agendo sui giri del motore, senza farci accorgere di un sistema sostanzialmente privo di marce e frizioni.

image

Si aggiorna anche dal punto di vista dinamico. La piattaforma più rigida del passato offre una miglior dinamica di guida, con sospensioni ora capaci di sorreggere meglio dall’imbardata laterale, senza compromettere la gestione di buche e sconnessioni. L’insonorizzazione è davvero da lode, forse delle migliori in commercio, capace di mascherare completamente l’attivazione del motore endotermico, facendo sentire la sua presenza solo in caso di forti accelerazioni. Ottimo anche il contenimento dei fruscii aerodinamici.

Ho apprezzato molto anche la sensibilità del sistema frenante, davvero diretto e privo del fastidioso feeling spugnoso, tipico delle auto ibride. A proposito, la frenata rigenerativa è disponibile su tre livelli, selezionabili con le palette dietro al volante. Da lode anche lo sterzo, rapido, corposo e capace di infondere molta sicurezza anche ad alte andature.

CONSUMI


image

Probabilmente credo trattarsi di una delle migliori architetture ibride full provate fino ad oggi. In ambito urbano il motore termico si attiva ad intermittenza, per ricaricare la batteria che alimenta i motori elettrici. Diventa così una mezza auto elettrica, capace di raggiungere medie di circa 24 o 25 km/l, sfruttando l’efficiente rigenerazione dell’energia. Im ambito extraurbano, oltre a viaggiare con un elevato comfort acustico, stabilizza la marcia sui 19 o 20 km/l, mentre in autostrada, quando le velocità salgono, funziona principalmente con il 2.0 a benzina, con medie sui 15 km/l.

SCHEDA TECNICA


image

TECNICA

  • MOTORE: Euro 6d, 2.0 benzina a ciclo Atksinson, 4 cilindri
  • POTENZA: 143 CV a 6.000 giri
  • COPPIA: 186 Nm a 4.500 giri
  • MOTORE ELETTRICO: 135 kW ( 184 CV), 315 Nm
  • TOTALE: 135 kW ( 184 CV) e 315 Nm
  • TRAZIONE: anteriore
  • CAMBIO: automatico, e-CVT
  • SOSPENSIONI: anteriori MacPherson, posteriore Multilink

DIMENSIONI

  • LUNGHEZZA: 4.552 mm
  • LARGHEZZA: 1.798 mm
  • ALTEZZA: 1.408 mm
  • PASSO: 2.730 mm
  • BAGAGLIAIO: 410 litri
  • CERCHI: da 17 o 18″
  • PNEUMATICI: 235/40 ZR18
  • PESO: 1.520 Kg (a secco)
  • BATTERIA: 1,05 kWh, peso 36,4 kg
image

PRESTAZIONI

  • VELOCITÀ MASSIMA: 180 km/h
  • ACCELERAZIONE 0-100 Km/h: 7,8 secondi
  • CONSUMI: 4,8 l/100 km (WLTP combinato)
  • EMISSIONI CO2: 108 grammi al km (WLTP combinato)

PREZZO: da euro 34.200;

PREZZI E ALLESTIMENTI


image

Decisamente semplificata e razionale la gamma di nuova Honda Civic e:HEV, con tre allestimenti, Elegance, Sport e Advance, a partire da 34.200 euro.

  • ELEGANCE: da 34.200 euro include Honda Sensing, Smart Key, Cruise control adattivo, modalità di guida, clima automatico bi-zona, vetri posteriori oscurati, strumentazione digitale da 9″, specchietti elettrici riscaldati e richiudibili, Honda Connect con display da 9″, App Connect Wireless, retrocamera, sensori di parcheggio, sensore luci e pioggia, fari full led, fari abbaglianti led automatici, cerchi in lega da 17″ bi-color.
  • SPORT: da 35.300 euro aggiunge bocchette posteriori di climatizzazione, rivestimenti in ecopelle e tessuto, pedali sportivi cromati, fendinebbia a led, luce abitacolo rossa, sedili riscaldati, specchietti neri, tweeters anteriori, caricatore smartphone wireless, cerchi in lega da 18″.
  • ADVANCE: da 38.700 euro, aggiunge in più rispetto a Sport anche rivestimenti in pelle, regolazione elettrica dei sedili anteriori, volante riscaldabile, tetto panoramico e apribile, strumentazione digitale da 10,2″, impianto audio Bose, 12 altoparlanti, fari full led adattivi, cerchi in lega da 18″ bi-colore.

Ricordiamo la possibilità di beneficiare dei rinnovati ecoincentivi statali, che possono scontare fino ad un massimo di 2.000 euro in caso di rottamazione di un’auto di proprietà con omologazione inferiore ad euro 5. Le prime consegne sono previste per settembre 2022, ma l’auto è già ordinabile nelle concessionarie. Per la versione Type R, bisogna invece aspettare il debutto previsto per l’autunno 2022.

PRO E CONTRO

VIDEO

[embedded content]

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

I migliori ristoranti all’interno degli stadi di calcio

I migliori ristoranti del pianeta hanno solitamente degli affacci incantevoli. E se vi dicessimo che il primo classificato nella...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img