sabato, Agosto 13, 2022

Stellantis, la produzione delle batterie a Termoli partirà nel 2026

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Lo stabilimento Stellantis di Termoli, come sappiamo, è destinato a diventare una gigafactory per la produzione delle batterie. Adesso, di questo progetto ne sappiamo qualcosa di più. Attraverso un comunicato congiunto dei sindacati Fim, Fiom, Uilm, Fismic, UglM e AqcfR, è emersa la roadmap che porterà questo stabilimento a diventare un hub per la produzione degli accumulatori per le future elettriche del Gruppo automobilistico.

La gigafactory sarà gestita da ACC, cioè la joint venture formata da Stellantis e Total in cui è entrata da poco anche Mercedes. L’impianto di Termoli, una volta a regime, avrà una capacità annua di 40 GWh e sarà il terzo polo europeo di Stellantis per la produzione delle batterie con Francia e Germania, a cui si aggiungeranno altre due fabbriche negli USA e in Canada.

La roadmap del Gruppo automobilistico per la conversione dell’attuale impianto prevede che il calo e la cessazione dell’attuale produzione di motori e cambi inizi nel 2024. I sindacati prevedono, poi, un picco momentaneo di esubero nel 2025 pari a 1.000 occupati.

Nel 2026 entrerà poi in funzione la gigafactory che, però, andrà a regime solo nel 2030. Lo stabilimento darà lavoro a 2.000 persone. Entrando più nel dettaglio, a gennaio 2023 avrà luogo l’acquisizione delle aree da parte di ACC. Successivamente, ad ottobre, partiranno i lavori nelle aree libere dall’attuale produzione e la costruzione della “power solar unit” che servirà per produrre energia rinnovabile attraverso i pannelli solari.

Nel primo quadrimestre 2024 cesserà la produzione di cambi, mentre la discesa dei motori sarà graduale, con il fire di cui è prevista la fine nel 2026 e i motori premium che proseguiranno ancora per qualche anno; a gennaio 2025 inizieranno i primi riassorbimenti di personale, con una fase formativa che prevede anche una disponibilità a lavorare per massimo sei mesi a Douvrin in Francia.

Stellantis intende anche realizzare un centro di ricerca e sviluppo con la collaborazione dell’università del Molise. I sindacati evidenziano che il piano del Gruppo automobilistico punta alla piena rioccupazione. Comunque, lavoreranno per assicurarsi che ACC si impegni a prendere tutti i lavoratori attualmente impiegati a Termoli.

In ogni caso ci sarà un periodo di scarico di lavoro che richiederà ammortizzatori sociali di accompagnamento e che dovremo cercare di rendere il meno gravoso possibile per i lavoratori. Inoltre andrà garantito un congruo trattamento di trasferta per l’eventuale periodo di lavoro e formazione da svolgere in Francia. Infine chiediamo un’intesa che offra la massima tutela possibile in termini di continuità normativa e salariale per tutti i lavoratori coinvolti.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

I migliori ristoranti all’interno degli stadi di calcio

I migliori ristoranti del pianeta hanno solitamente degli affacci incantevoli. E se vi dicessimo che il primo classificato nella...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img