lunedì, Luglio 15, 2024

Ducati MotoE, si apre il nuovo capitolo delle moto elettriche da gara

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Alluminio, fibra di carbonio e Litio: ecco i tre elementi che stanno dando forma alla nuova Ducati MotoE, la motocicletta elettrica protagonista della prossima MotoE World Cup 2023, la classe di moto da corsa elettriche che gareggiano nel Motomondiale. Su mandato di Dorna, la società spagnola che gestisce la parte commerciale del motomondiale, l’elettrica di Ducati andrà a sostituire la Ego prodotta da Energica Motor Company già da quattro campionati. Ecco come lo staff congiunto di Ducati e Ducati Corse ha progettato la nuova saetta di Borgo Panigale.

Ducati MotoE ha una potenza massima di 150 cavalli e una coppia di 140 Nm. Il suo motore elettrico di 21 kg può arrivare a 18.000 giri al minuto ed è alimentato da una batteria da 18 kWh. Attualmente, la velocità massima raggiunta sul circuito del Mugello è di 275 km/h e riuscirà a compiere almeno 7 giri di pista. Lo farà mantenendo stabili le proprie performance come da mandato di Dorna il cui ulteriore vincolo era un peso massimo di 237 kg. Infatti, Ducati MotoE ha un peso totale di 225 chilogrammi di cui il 46% sul posteriore e il 54% sull’anteriore con un passo di 1 metro e 47 centimetri. Giusto per fare un raffronto, in MotoGP il peso minimo è di 157 kg. 

Il powertrain di Ducati MotoE

M.Cavadini info@alexphoto.it

La batteria, come è lecito aspettarsi, contribuisce per 110 kg, ma diventa parte integrante del telaio. È composta da 1152 celle a forma cilindrica pensate per occupare meglio ogni minimo spazio del guscio in fibra di carbonio. Queste si ricaricano con una presa di corrente alternata di 20 kW da zero all’ottanta per cento in 45 minuti. Ricarica che può essere effettuata appena terminata la corsa. Il sistema di raffreddamento, infatti, prevede due circuiti: uno per la batteria e uno per il motore/inverter che recupera energia in frenata. 

Siamo solo all’inizio di questa avventura elettrica. “La MotoE è il nostro progetto più strategico; costruisce il futuro della moto intesa come oggetto divertente. Un futuro ancor non completamente tracciato in cui, però, è necessario sviluppare tecnologie, conoscenze e competenze per sviluppare veicoli performanti destinati a una clientela che non è in cerca di mobilità, ma di emozioni” afferma Claudio Domenicali, Ceo di Ducati Motor Holding. 

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

La tuta spaziale che trasforma l’urina in acqua potabile

Immaginate di indossare una tuta spaziale e, nel bel mezzo di una passeggiata lunare, di avere bisogno urgentemente del...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img