martedì, Luglio 23, 2024

TiNoleggio: le proposte per agenzie e t.o. del broker italiano

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Michele Sole, direttore commerciale di TiNoleggio

Un broker di noleggio auto sul mercato italiano da 11 anni, nato da un gruppo di imprenditori italiani appassionati di tecnologia è innovazione. È TiNoleggio, la realtà che offre un servizio di raccolta e di comparazione tariffe di noleggio di veicoli a scopo turistico e lavorativo e che attualmente eroga servizi in gran parte d’Europa grazie agli accorti con centinaia di operatori locali.

“Negli anni abbiamo diversificato il prodotto – racconta Michele Sole, direttore commerciale -, andando oltre al consumer e approcciando al mercato b2b”.

[embedded content]

Sul fronte della distribuzione, l’azienda ha stretto collaborazioni e partnership con agenzie di viaggio, network e tour operator. Tra i servizi b2b offerti: condizioni di acquisto su misura, accordi con i principali partner di noleggio internazionali, piattaforma dedicata e personalizzazione voucher. ‘White label’ è invece la proposta di rebranding della pagina web dell’agenzia di viaggi o del tour operator dove integrare il motore di ricerca per il noleggio auto personalizzandolo con i colori e i loghi dell’operatore.

Il nuovo brand: Tinorent

Tra le novità, anche il lancio di un nuovo brand in ottica globale: Tinorent. “È già online per la parte long haul e stiamo aprendo anche nello short. L’obiettivo è far diventare Tinorent il nostro brand di riferimento per essere più competitivi sui mercati internazionali”.

Ma quali sono le leve che rendono la proposta attraente per un pubblico business e leisure? “Sicuramente la leva del prezzo ci rende competitivi – spiega Sole -, ma anche l’essere più piccoli e flessibili ci permette di avere dei prodotti che altri broker non hanno e di rispondere in maniera puntuale e “sartoriale” alle richieste dei nostri clienti”.
Lato corporate, la spinta vincente risiede proprio nell’inclusione nell’offerta di player più piccoli, rendendo la proposta più differenziata, grazie anche alla presenza di operatori locali che permettono di essere più capillari sul territorio.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Startup, cosa vuole fare il governo (spoiler: poco)

Il governo Meloni si prepara a varare una riforma di regole e incentivi per le startup. Un documento a...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img