sabato, Agosto 13, 2022

L'Italia che scommette sull'economia dello spazio

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, durante il suo intervento (foto: Sda Bocconi)

Perché a proposito di multidisciplinarietà, competenze tecnico-scientifiche a parte, il richiamo al valore diplomatico dello spazio – e quindi ai settori emergenti della space law, ma anche del management – è arrivato direttamente dall’ex premier Mario Monti, oggi presidente dell’ateneo milanese. “Rifacendomi a una dimensione straordinaria dello spazio, voglio salvaguardarne una visione ottimistica  – ha detto, richiamando addirittura i viaggi immaginari di Jules Verne – anche nel pieno di una crisi difficile come la guerra in Ucraina, lo spazio rimane disponibile come occasione di collaborazione multilaterale. Dal punto di vista geopolitico, è un game-changer. E non è un caso i suoi leader debbano giocoforza avvicinarsi alla descrizione che ne ha sempre fatto Henry Kissinger: donne e uomini capaci di visioni a lungo termine, non schiavi dell’immediatezza da social”.

In questo senso, e di certo anche per merito dei suoi trascorsi da astro-diplomatica, Di Pippo e i suoi collaboratori (la lecturer Clelia Iacomino e il ricercatore Mattia Pianorsi) hanno parso voler dare al concetto di “multidisciplinarietà” l’accezione più estesa: lo ha dimostrato la provenienza diversa dei tanti ospiti invitati a rappresentare giganti industriali e aziende protagoniste del settore, così come accademie e istituzioni, dal presidente dell’Asi, Giorgio Saccoccia, a Luigi Pasquali (ad di Telespazio e responsabile delle attività spaziali di Leonardo), da Massimo Comparini (ad di Thales Alenia Space) a Giulio Ranzo (ad di Avio, da remoto per l’imminenza del lancio del suo nuovo Vega C). Da Luca Rossettini (della rampante D-Orbit) a Kevin O’Connel, il ceo di Space Economy Raising, fino a Danielle Wood, del Mit, o a Patrizia Caraveo, astrofisica, dirigente di ricerca all’Inaf, premio Fermi 2021 e, come ha ricordato lei, vedova Bignami. Dagli Stati Uniti a Dubai passando per l’Italia, la mattinata di lavori ha coinvolto istituzioni, realtà imprenditoriali e accademiche, con lo scopo di evidenziare l’importanza della ricerca “per il futuro dello spazio, sostenendo il business e le strategie delle industrie spaziali, delle industrie extra-settore e delle istituzioni pubbliche”.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

I migliori ristoranti all’interno degli stadi di calcio

I migliori ristoranti del pianeta hanno solitamente degli affacci incantevoli. E se vi dicessimo che il primo classificato nella...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img