lunedì, Luglio 15, 2024

Alle origini dei cartoni animati: i mostri dell’antico Giappone

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Mostri tascabili e robot giganteschi, principesse guerriere e sfere magiche: guardando i cartoni animati giapponesi ci si muove in un universo fantastico, popolato da eroi positivi ma anche da creature strane e a volte inquietanti. Tutto frutto della fantasia degli autori? No, almeno in parte. Da Jeeg a Dragon Ball, da Lady Oscar ai Pokémon, le serie animate che abbiamo imparato ad amare attingono spesso a un patrimonio culturale precedente: quello dell’immaginario giapponese. Un mondo distante dal nostro, difficilmente sovrapponibile alla mitologia occidentale, in cui svolgono un ruolo di primo piano gli Yokai, i mostri giapponesi. E proprio gli Yokai sono spesso alla base di personaggi e storie che, attraverso il piccolo schermo, sono entrati a far parte della nostra cultura. «Stiamo assistendo a una vera e propria riscoperta dei mostri giapponesi, al punto che stanno diventando una moda presso gli occidentali». Parola di Paolo Linetti, direttore del Museo D’Arte Orientale Mazzocchi di Brescia e curatore della mostra YokaiLe antiche stampe dei mostri giapponesi, aperta a Monza fino al 21 agosto. Seguire le tracce degli Yokai per scoprire le origini di tanti cartoni animati non è solo un gioco, ma un’operazione da affrontare con rispetto e attenzione, per evitare di creare «erronee linee interpretative».

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

La tuta spaziale che trasforma l’urina in acqua potabile

Immaginate di indossare una tuta spaziale e, nel bel mezzo di una passeggiata lunare, di avere bisogno urgentemente del...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img