giovedì, Luglio 25, 2024

L'intelligenza artificiale di Meta che fa concorrenza a Dall-E

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Make-a-Scene è il nomignolo dell’intelligenza artificiale sviluppata di Meta che si accoda ai ben noti e avviati progetti di generazione di immagini a partire da testo (text-to-image) che sono uno dei trend del 2022 come nel caso di Dall-E 2 (che ora si chiama Craiyon) e Imagen di Google. C’è però una sostanziale differenza con le due precedenti iniziative: il punto di partenza dell’a.i. di Meta è infatti una combinazione tra istruzioni che possono essere lette dal sistema e un semplice schizzo realizzato a mano dall’utente che può facilitare il percorso di composizione e creazione delle rappresentazioni, per meglio unire l’immaginario umano e quello sintetico.

Anche Meta si tuffa dunque nel florido segmento dei generatori di immagini a partire da testo col progetto Make-a-Scene per produrre rappresentazioni digitali anche complesse per ora limitate a 2048 x 2048 pixel.  Il vantaggio della combinazione tra l’input testuale della scena da ricreare e uno schizzo è presto detto: l’a.i. può infatti viaggiare come su un sentiero già tracciato per comporre in modo più preciso l’immagine secondo la volontà dell’utente. Per esempio, basta tracciare dove piazzare il soggetto oppure gli altri elementi in aggiunta così da consentire all’intelligenza artificiale di seguire paletti preziosi che possono riguardare “Forme, disposizioni, profondità, abbinamenti e strutture”, come affermato dallo stesso Mark Zuckerberg a corollario della presentazione del progetto. Secondo i primi risultati, l’immagine creata con lo schizzo è del 99,54 percento più allineata alle aspettative rispetto al 66 percento del metodo solo testuale.

Anche Make-a-Scene è ora in fase demo di studio e Meta ha condiviso il progetto con vari specialisti dell’intelligenza artificiale come Sofia Crespo, Scott Eaton, Alexander Reben e Refik Anadol, che faranno da tester di un certo livello, un po’ come i vari fotografi che hanno ottenuto l’accesso beta a Dall-E 2 scoprendo quanto può essere efficace per la creazione di ritratti e per il fotoritocco a voce. L’obiettivo di Meta è quello di specializzare Make-a-Scene verso applicazioni più artistiche senza dimenticare il metaverso, che è diventato ormai il fulcro degli sforzi della società.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Medusa uovo fritto, come riconoscerla e perché non dobbiamo temerla

È nota come medusa “uovo fritto” o anche come medusa Cassiopea, mentre il suo nome scientifico è Cotylorhiza tuberculata....
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img