sabato, Agosto 13, 2022

10 film che saranno (forse) alla Mostra del Cinema di Venezia 2022

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito


Manca poco, circa poco più di un anno, all’edizione numero 80 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, traguardo importantissimo per questa illustre e sempre affascinante manifestazione di cinema che nemmeno la pandemia più devastante degli ultimi secoli ha interrotto (a tal proposito vi segnaliamo che dall’8 luglio al Portego di Ca’ Giustinian a Venezia, sede de La Biennale è stata inaugurata la mostra La prima Esposizione Internazionale d’Arte Cinematografica dall’Archivio della Biennale di Venezia organizzata dall’Archivio Storico delle Arti Contemporanee – ASAC – per celebrare i 90 anni della Mostra. Il 9 luglio, inoltre, si è tenuto presso la biblioteca dell’ASAC ai Giardini della Biennale un convegno internazionale dal titolo 1932-2022. 90 anni della Biennale Cinema, con annessa proiezione presso la Sala Grande al Lido di due capolavori del 1932: Gli uomini, che mascalzoni… di Mario Camerini e il documentario muto Regen di Mannus Franken e Joris Ivens). Prima, però, nell’anno 2022 è necessario fermarsi e valutare l’edizione numero 79 che inizierà il 31 agosto e terminerà il 10 settembre di quest’anno. Al timone c’è sempre il direttore Alberto Barbera accompagnato dal suo folto gruppo di selezionatori e protetto dalla grande ala del presidente de La Biennale, Roberto Cicutto. Il Leone d’oro alla carriera sarà dato a Catherine Deneuve e Paul Schrader, e la giuria del concorso è stata svelata. Alla presidenza ci sarà Julianne Moore coadiuvata nelle scelte da Mariano CohnLeonardo Di CostanzoAudrey DiwanLeila HatamiKazuo IshiguroRodrigo Sorogoyen.

imageL’attesa sale e quindi i giorni che ci separano dalla conferenza stampa di presentazione (in programma per il 26 luglio) sono finalizzati a indagare, scandagliare e valutare ogni fonte di stampa, ogni piccolo segreto, indiscrezione, mezza frase che potrebbe o vorrebbe anticipare quali film saranno presenti nel Concorso, Venezia 79. L’attenzione è certo per la selezione dei film in concorso, quelli in competizione per i Leoni d’oro, quindi qui di seguito vi proponiamo 10 film che molto probabilmente avranno, forse sì, forse no, la loro proiezione ufficiale nella sontuosa Sala Grande a inizio settembre 2022, elencati rigorosamente in ordine sparso.

1. The Whale di Darren Aronofsky
Il film sarà interpretato da Brendan Fraser e Sadie Sink. La storia, infatti, si focalizza su un insegnante sovrappeso, molto sovrappeso, che vive recluso in un appartamento a Mormon Country in Idaho, ormai al termine della sua vita. Alla luce di ciò, l’uomo cerca di riallacciare i rapporti con la figlia, scoprendone però alcune problematiche. 

2. L’immensità di Emanuele Crialese
Già qualcosa è venuto fuori sull’opera quarta del fortunatissimo regista romano di origine siciliane. La protagonista principale è interpretata da Penelope Cruz e stando alle dichiarazioni la pellicola dovrebbe essere un dramma, ambientato nella Roma degli anni Settanta, che ruota attorno all’amore simbiotico tra Clara e i suoi figli. 

3. Bardo di Alejandro González Iñárritu 
Verso aprile sono uscite alcune notizie in merito al nuovo film del regista messicano, tant’è che si pensava potesse essere presentato al Festival di Cannes. Invece il film ha salutato la Croisette e forse calcherà il red carpet del Lido. Iñárritu torna a girare in patria avvalendosi della collaborazione del direttore della fotografia Darius Khondji, noto per Amour e Se7en. Girato in 65 mm, Bardo sarà distribuito da Netflix. Non sono ancora chiari i tempi della post produzione, infatti si vocifera che prima dell’autunno il film potrebbe non essere pronto. 

4. White Noise di Noah Baumbach
Presupposto: Baumbach ha firmato un super contratto in esclusiva con Netflix legandosi alla piattaforma per diversi anni. Il secondo frutto di questo sodalizio, il primo è stato Storie di un matrimonio, è l’adattamento del libro di Don DeLillo, White Noise che avrà come protagonisti Adam Driver e Greta Gerwig. La storia racconta di una coppia oppressa dall’idea della morte che sarà costretta a misurare la propria moralità quando un agente chimico sarà rilasciato nella loro città.

5. The Kingdom Exodus di Lars Von Trier
Quando nel 2014 Lars Von Trier non partecipò fisicamente alla presentazione internazionale della versione estesa di Nymphomaniac alla Mostra del Cinema (si fece vedere solo attraverso un iPad tenuto da Stellan Skarsgård) disse che il lavoro successivo a cui voleva dedicarsi era una serie tv. E così è stato. In mezzo ha anche diretto lo splendido thriller La casa di Jack, ma ora il regista danese è tornato dietro la macchina da presa per girare la terza stagione de The Kingdom (prima stagione 1994, seconda stagione 1997 presentata alla Mostra del Cinema). La protagonista è Karen interpretata da Bodil Jørgensen, la quale cerca delle risposte alle questioni non risolte della serie per salvare l’ospedale dal suo destino. Nel teaser rilasciato a giungo 2022 si vede la donna aggirarsi nel buio e ritrovarsi di fronte all’ospedale in attesa che il cancello del Regno si apra nuovamente. 

6. Bones and All di Luca Guadagnino
Il cast è stellare: Taylor Russell, Timothée Chalamet, Mark Rylance, Chloe Sevigny, Michael Stuhlbarg e Francesca Scorsese. Il film racconta la storia del primo amore tra Maren, una giovane reietta della società, e Lee, un vagabondo dall’animo combattivo. I due viaggiano nell’America degli anni Ottanta tra segreti, botole e stradine, fino al finale in cui dovranno mettere alla prova il loro amore rispetto a tutto quello che li circonda. 

7. The Banshees Of Inisherin di Martin McDonagh
Dopo l’avventura di In Bruges, si ritrovano sullo stesso set, fianco a fianco, Colin Farrell e Brendam Gleeson, protagonisti del quarto film del regista inglese. I due attori interpretato due amici di vecchia data tra cui nasce un confronto quando uno dei due, all’improvviso, decide di rompere l’amicizia. Le riprese sono state effettuate in una isola remota vicino a Galway.

8. Kubi di Takeshi Kitano
All’ultima edizione del Far East Film Festival il caro Kitano ha affermato che stava terminando il suo nuovo e suo ultimo film da regista. Il titolo è appunto Kubi e quindi con buone possibilità, anche considerando la forte relazione che il regista nipponico ha con il Lido imperniata su allori e riconoscimenti, presenzierà a Venezia 79. Sarà un film d’azione basato sull’omonimo romanzo del 2019 scritto da lui stesso; le vicende raccontate nel romanzo riprendono un episodio molto conosciuto nell’immaginario nipponico e riguardano i fatti realmente avvenuti di Honno-ji, durante i quali il Signore della Guerra Oda Nobunaga venne assassinato in un tempio a Kyoto nel 1582. I personaggi della storia sono figure storiche come ad esempio Toyotomi Hideyoshi, servitore di Nobunaga che vendicò il padrone morto in battaglia, e Sorori Shinzaemon, noto per la sua astuzia.

9. Blonde di Andrew Domink
Blonde è una rivisitazione dell’ascesa alla fama di Marilyn Monroe, interpreta da Ana de Armas, di cui già da mesi circolano diverse indiscrezioni, immagini e dichiarazioni, soprattutto perché sarà il primo film Netflix vietato ai minori. Doveva passare al Festival di Cannes, ma con ogni probabilità sarà alla Mostra, sospinto dalle affermazioni di Andrew Dominik che definisce il suo film un’unione di Quarto Potere e Toro scatenato. È un dramma sull’infanzia, per poi mostrare come tale dramma divide la vita degli adulti in due parti, quella pubblica e quella privata, ha aggiunto il regista; è una specie di storia di una persona la cui immagine razionale del mondo è sopraffatta dal suo inconscio, utilizzando l’iconografia di Marilyn Monroe. Pare durerà 3 ore. 

10. Rheingold di Fatih Akin
Si tratta di un film biografico tratto dal libro del rapper tedesco Xatar dal titolo Alles order Nix del 2015. Akin ne racconta la sua storia, dalla prigione, alla musica, all’essere un imprenditore di successo. Emilio Sakraya interpreta il ruolo principale, accanto a Mona Pirzad, Uğur Yücel e Denis Moschitto. Il film durerà circa circa 145 minuti ed è stato girato ad Amburgo. 

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

I migliori ristoranti all’interno degli stadi di calcio

I migliori ristoranti del pianeta hanno solitamente degli affacci incantevoli. E se vi dicessimo che il primo classificato nella...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img