venerdì, Ottobre 7, 2022

Great Wall Motor sceglie Emil Frey per vendere i marchi Ora e Wey in Europa

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Great Wall Motor, una delle più grandi case automobilistiche della Cina, sta portando avanti un ambizioso piano di espansione in Europa per introdurre in questo mercato le sue auto elettriche e Plug-in. Adesso, il marchio ha comunicato un nuovo ed importante passo avanti di questa sua strategia. Infatti, ha stretto una partnership strategica con il Gruppo Emil Frey che gestisce molti concessionari in Europa. Attraverso questi punti vendita, la casa automobilistica cinese intende allargare la sua presenza nel Vecchio Continente attraverso i suoi marchi Ora e Wey. Si partirà dalla Germania. Ma questo è solamente l’inizio in quanto l’obiettivo è quello di commercializzare le auto a marchio Ora e Wey in altri Paesi europei attraverso il Gruppo Emil Frey.

Le concessionarie del Gruppo Emil Frey si occuperanno anche dell’assistenza delle vetture di questi marchi cinesi. Curiosità, questo Gruppo è stato scelto anche da Xpeng per commercializzare le sue vetture elettriche in alcuni Paesi europei. Parlando dei modelli che saranno venduti in Germania, dal quarto trimestre del 2022 arriverà Ora Good Cat che per il mercato europeo è stata rinominata in Ora Funky Cat (compatta elettrica con autonomia fino a 310 km con batteria da 48 kWh e fino a 400 km con quella da 63 kWh).

Il primo modello a marchio Wey ad essere venduto in Germania sarà il SUV Plug-in Coffee 01 (fino a 150 km di autonomia in solo elettrico). Il debutto di questi due marchi in Germania era atteso da tempo. Durante il Salone di Monaco 2021 Great Wall Motor aveva infatti annunciato il progetto di voler allargare la sua presenza nel Vecchio Continente attraverso alcune delle sue auto elettriche e Plug-in a marchio Ora e Wey.

Successivamente, la casa automobilistica cinese aveva anche aperto una sede in Germania, a Monaco. Sarà dunque interessante seguire i progressi dei piani di espansione in Europa del costruttore cinese attraverso questi suoi due marchi. Quello che emerge è che le case automobilistiche cinesi sono sempre più interessate al mercato auto del Vecchio Continente.

Ricordiamo, per esempio, che anche NIO, Xpeng e BYD stanno investendo per ritagliarsi un loro spazio all’interno del mercato europeo.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Wired Next Fest, cosa seguire oggi venerdì 7 ottobre

Rita Elvira Adamo, cofondatrice della Rivoluzione delle seppie, Stefano Sotgiu, economista pubblico e promotore del progetto Bulzi, Alessia Zabatino,...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img