lunedì, Novembre 28, 2022

Le maglie bannate nella storia del calcio

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

image

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

Insomma, il lavoro dei designer non è mica una passeggiata: da un lato c’è la spinta alla sperimentazione estetica, a portare linguaggi ed elementi stilistici sempre nuovi, dall’altro c’è un codice di norme irreggimentato che non può essere scavalcato. Per esempio, l’Uefa sotto questo aspetto è molto rigida: esiste un documento denominato Equipment Regulations composto di ben diciassette capitoli, in cui viene disciplinata qualsiasi evenienza – dalle regole più basilari del design, a quanti colori ogni maglia può avere, al posizionamento e alla quantità degli sponsor, fino alle tenute di chi è in panchina o all’equipaggiamento di arbitri e raccattapalle.

Succede così che molte delle maglie nella loro versione originale vengano vietate: oggi, in particolare, succede sempre più spesso, basti pensare all’Inter che per ben due anni di fila si è vista costretta a cambiare la propria maglia away nelle sfide di Champions League. A volte, alcune maglie “fuorilegge” beneficiano di una deroga, come è stato ancora per l’Inter nella stagione 2020/21: una jersey “decostruita” con vari design, omaggio alla visione futuristica di Giorgio Muggiani, fondatore del club. La Lega, in quell’occasione, fece un’eccezione e permise che la maglia venisse indossata nel match di campionato contro la Roma. Ma la storia è piena di divise che, per vari motivi, sono state “bannate”, alcune di esse per le ragioni più incredibili. Ecco quali.

Camerun 2002

Nel 2002, soltanto il taglio “a mezzaluna” di Ronaldo riuscì a far parlare più della maglia dei giocatori del Camerun: Puma aveva disegnato per la Nazionale africana una jersey senza maniche, sul modello delle canotte da basket. Una divisa che portò fortuna in Coppa d’Africa, con il Camerun che vinse il torneo, ma che fece imbestialire la Fifa: «Non sono maglie, sono gilet», commentò uno dei portavoci. Andò a finire che ai Mondiali la Puma dovette riparare, ma in un modo furbo: aggiunse delle maniche nere, pur senza modificare il design originale.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Criptovalute, il crac di Ftx e il rischio contagio

Il lato positivo è che Genesis tratta prevalentemente con clienti istituzionali, come family office (società che gestiscono il patrimonio...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img