lunedì, Novembre 28, 2022

Google, ricerche sempre più immersive con meno testo e più immagini

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Google è chiaramente sinonimo di ricerca online, addirittura usiamo anche in italiano il termine “googolare” per riferirci a questa attività quindi non sorprende il grande interesse del colosso californiano per questo tema. A fare il punto sui progressi e le innovazioni tecnologiche ci pensa ogni anno Google Search On, l’appuntamento di aggiornamento sulle attività in questo comparto.

«Immaginiamo un mondo in cui sarete in grado di trovare esattamente ciò che state cercando combinando immagini, suoni, testo e voce, proprio come fanno le persone nella vita di tutti i giorni» dice Prabhakar Raghavan, Senior Vice President di Google. «Potrete fare domande con meno parole, o addirittura con nessuna, e noi continueremo a capire esattamente cosa intendete. Potrete anche esplorare e organizzare le informazioni in modo che abbiano senso per voi».

È questo l’obiettivo dell’azienda di Mountain View, rendere le ricerche sempre più pertinenti, con risposte immediate, esaustive e con la possibilità di fare domande in modo semplice e naturale

Ricerca multipla facile e intuitiva

Per fare questo Google sta puntando soprattutto sulla ricerca visiva introducendo la nuova modalità di ricerca multipla, un modo completamente nuovo di effettuare ricerche utilizzando contemporaneamente immagini e testo. L’idea è di aggregare in un solo posto un agglomerato di informazioni di ogni genere che consentano agli utenti non solo di trovare esattamente quello che desiderano, ma anche di stimolare ulteriori approfondimenti e nuove ricerche. 

Il concetto è quello di aiutare le persone a trovare quello che cercano anche quando non sanno esattamente come formulare la richiesta. Ad esempio come “mi devo prendere cura di questa pianta”? Anche se non si conosce il nome della pianta è sufficiente fare uno scatto fotografico con Lens e ottenere la risposta. Per fare questo Google punta a setacciare la rete, identificando le fonti più autorevoli e aggregando anche i contenuti provenienti dai social. L’intervento dell’intelligenza artificiale e di nuovi algoritmi è l’elemento che fa davvero la differenza e che continua a consentire a Google di non avere rivali in questo campo.

Esplorare il mondo senza muoversi da casa

Un altro argomento caro a Big G è la possibilità di esplorare il mondo in modo sempre più immersivo ed emozionante. «Grazie ai progressi della computer vision e dei modelli predittivi, stiamo reimmaginando completamente la definizione di “mappa”. Ciò significa che la nostra mappa 2D si evolverà in una visione multidimensionale del mondo reale, che vi permetterà di vivere un luogo come se foste lì», ha ancora detto Raghavan.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Criptovalute, il crac di Ftx e il rischio contagio

Il lato positivo è che Genesis tratta prevalentemente con clienti istituzionali, come family office (società che gestiscono il patrimonio...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img