lunedì, Novembre 28, 2022

Dal Nord Europa a Milano a caccia di startup

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Ricomincia la stagione degli eventi dedicati alle startup. A 10 anni dalla prima legge per le startip in Italia, i problemi dell’ecosistema italiano sono legati alla validazione di mercato, che è ancora troppo lenta. Insomma, non si cresce e non si muore.  Ma, a dieci anni dalla legge che ha aperto le porte all’innovazione, il fermento c’è e ci sono anche gli investitori. Tanto che a Milano è arrivato Tech Chill, format lettone che esce per la prima volta dai confini della repubblica baltica. 

Nella cornice dell’università Bocconi, non nuova a ospitare eventi del genere, è andata in scena una due giorni dedicata alle imprese innovative a caccia di contatti e investitori. Oltre ai soliti nomi noti dell’ecosistema delle startup, si sono affacciate anche realtà più grandi, come il fondo Kairos. Non sono mancati gli stranieri, che pare siano stati anche i più attivi. Si tratta di un esordio e l’idea di Tech Chill è di replicare l’anno prossimo. 

Tra gli stand predomina un acronimo: Saas (software as a service), declinato in ogni sfumatura. Tra le startup italiane, Katakem, nata a Catanzaro. Nel capoluogo calabro, Manuela Oliverio, Marco Francardi e Luca Francarsi hanno sviluppato un reattore chimico automatizzato. “L’idea è quella sollevare gli scienziati dalla parte più routinaria del lavoro, che viene eseguita all’incirca come due secoli fa – spiega a Wired il marketing manager Lorenzo Di Cataldo -. Siamo partiti da un robot che automatizza il lavoro manuale dei ricercatori, causa di fatica mentale e di errori. Attraverso lo stesso robot, per la prima volta nella storia, possiamo estrarre dati di processo certi e puliti con cui alleniamo la nostra intelligenza artificiale che, a regime, potrà suggerire ai chimici come ottimizzare i processi di sviluppo”. 

Secondo Di Cataldo, il reattore sarebbe in grado di accelerare in maniera significativa i tempi di messa in commercio di prodotti chimici e farmaceutici. “Oltre al robot e all’Ai, ci sono altri servizi in cloud con cui già nell’immediato miglioriamo la vita dei ricercatori: dalla gestione automatizzata del magazzino per evitare che i ricercatori debbano occuparsi dell’inventario al quaderno di laboratorio auto-compilato e immediatamente condivisibile che sostituisce la scrittura manuale”, spiega Di Cataldo. La startup, afferma, è accelerata a Berkley Skydeck, e sarà l’unica a battere bandiera tricolore al Tech Crunch di San Francisco in programma in California dal 18 al 20 ottobre. 

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Criptovalute, il crac di Ftx e il rischio contagio

Il lato positivo è che Genesis tratta prevalentemente con clienti istituzionali, come family office (società che gestiscono il patrimonio...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img