venerdì, Giugno 14, 2024

Mar Rosso ultimo rifugio dei coralli: studio svela perché sono gli unici a sopravvivere al caldo estremo

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Lungo la costa egiziana, una lunga barriera corallina risplende di colori. Là, nel Mar Rosso, si trova quello che potrebbe diventare “l’ultimo rifugio corallino” del mondo, dicono i ricercatori. “Abbiamo una forte evidenza che questa barriera rappresenti la speranza per l’umanità di mantenere un ecosistema corallino”, afferma Mahmoud Hanafy, specialista di ambiente marino presso l’Università del Canale di Suez. Perché l’immensa barriera corallina del Mar Rosso – il 5% dei coralli del mondo – è “molto tollerante al riscaldamento delle acque”, ha spiegato all’agenzia di stampa francese AFP

Si tratta di un vantaggio per questa costa, conosciuta dai sub di tutto il mondo, ora che il riscaldamento globale e l’inquinamento hanno già spazzato via il 14% dei coralli del mondo tra il 2009 e il 2018. Sulla costa egiziana, tuttavia, un altro pericolo minaccia la barriera corallina: l’uomo con il suo turismo di massa, la pesca eccessiva e la cementificazione.

I coralli coprono solo lo 0,2% dei fondali marini del mondo, ma ospitano almeno un quarto della vita marina mondiale e più di 500 milioni di persone dipendono direttamente da essi, per pescare, attirare turisti o semplicemente per continuare a vivere sulla propria terra, perché la barriera corallina protegge dall’erosione. Tuttavia, “se il riscaldamento continuerà”, i coralli più superficiali “non dovrebbero sopravvivere fino alla fine del secolo”, avvertono gli esperti climatici delle Nazioni Unite.

Anche con un riscaldamento globale limitato a +1,5°C nel 2100 rispetto all’era preindustriale, un obiettivo fissato nel 2015 dall’Accordo di Parigi ma per il momento irraggiungibile, il 99% dei coralli non sarebbe in grado di sopravvivere a ondate di calore marine sempre più frequenti. Proprio quest’estate, una di esse ha sbiancato il 91% della Grande Barriera Corallina australiana, lunga 2.300 chilometri e patrimonio dell’umanità dell’Unesco. I coralli sbiancati possono riprendersi se le condizioni meteorologiche migliorano, ad eccezione di quelli che sono stati gravemente sbiancati o che stanno vivendo ripetute ondate di c

In Egitto, tuttavia, i coralli sembrano sfidare questa regola. Il motivo? “Una memoria biologica sviluppata nel corso dell’evoluzione”, spiega Eslam Osman, dell’Università King Abdullah in Arabia Saudita, sull’altra sponda del Mar Rosso. Insieme ad altri ricercatori, Osman ha stabilito che le larve di corallo del Mar Rosso sono arrivate dall’Oceano Indiano attraverso il Golfo di Aden alla fine dell’ultima era glaciale, 12.000 anni fa. “Arrivando nel Mar Rosso meridionale, queste larve hanno dovuto attraversare acque molto calde che hanno agito da filtro e hanno lasciato passare solo le specie che potevano sopravvivere fino a 32 gradi”, ha spiegato ad AFP.

Pesce farfalla filamentoso a Marsa Alam

Pesce farfalla filamentoso a Marsa Alam (afp)

Più a sud, in Sudan, dove l’acqua è più calda, le ondate di calore marino hanno creato episodi di sbiancamento. In un Paese dilaniato dai conflitti, gli studi sono comunque rari e il “monitoraggio” della barriera corallina è “difficile” senza fondi, sostiene il Consiglio supremo per l’ambiente e le risorse naturali. Nel Mar Rosso settentrionale, invece, dove le temperature sono più miti, “i coralli possono ancora tollerare un aumento di uno, due o addirittura tre gradi”, afferma Osman.

Tanta resilienza delle barriere coralline implica una “responsabilità”, avverte Mahmoud Hanafy. L’industria turistica del Mar Rosso – che rappresenta il 65% di questo settore vitale per l’economia egiziana in piena crisi – deve esserne consapevole, continua. E chiede al ministero dell’Ambiente di dichiarare area protetta tutti i 400 chilometri quadrati di barriera corallina che sono praticamente incollati alla costa. Questo rafforzerebbe la “tolleranza e la resilienza dei coralli”: “regolando l’attività dei subacquei e dei pescatori e rimuovendo le fonti di inquinamento”. Attualmente, solo la metà della barriera corallina è protetta e alcuni siti di immersione superano da dieci a quaranta volte la capacità raccomandata, mentre la pesca dovrebbe essere ridotta di sei volte per essere sostenibile, aggiunge l’ambientalista.

” È essenziale preservare il Mar Rosso settentrionale come uno degli ultimi rifugi per i coralli, perché quest’area potrebbe servire da vivaio per futuri progetti di rigenerazione”, ha dichiarato Eslam Osman. Sia in Egitto che in Arabia Saudita, Osman ha potuto constatare i danni causati dall’edilizia costiera: i “liquami” e la “sedimentazione” di particelle provenienti dai cantieri stanno soffocando i coralli. È un circolo vizioso, dice: la resilienza dei coralli e i loro molteplici colori attirano i turisti, per i quali vengono costruite infrastrutture che danneggiano la barriera corallina.

- Advertisement -spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img
Latest News

Le strane sneakers Samsung per controllare lo smartphone con i piedi

Da oggi ci sono anche un paio di sneakers Samsung nel colossale catalogo del brand coreano. Si chiamano non...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img