mercoledì, Febbraio 8, 2023

Virus: dobbiamo avere paura di quello 'resuscitato' dopo 48mila anni?

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Pandoravirus yedoma, così nominato dai ricercatori che lo hanno riportato “in vita”, è rimasto indisturbato per oltre 48500 anni nel permafrost siberiano e sarebbe il virus più antico finora conosciuto. Secondo lo studio recentemente reso pubblico su bioRxive – un contenitore virtuale di articoli scientifici che non hanno ancora subito il processo di revisione paritetica (noto come peer review) da parte di scienziati che non sono inclusi fra gli autori – il virus sarebbe ancora in grado di infettare la Acanthamoeba, un genere di ameba naturalmente presente nel suolo e nelle acque sia dolci che salate.

Il motivo dello studio

Secondo gli scienziati che hanno condotto la ricerca, e che ne avevano condotte di simili in passato, sarebbe importante effettuare studi di questo tipo per aumentare il nostro grado di conoscenza rispetto a tutti quei microrganismi che potrebbero essere rilasciati nell’ambiente a seguito dello scioglimento dei ghiacciai (ormai non più perenni) e del permafrost, lo strato di suolo ghiacciato presente ad alta quota o nelle regioni artiche. In particolare, sempre secondo il gruppo di ricercatori guidato da Jean-Michel Claverie del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs), mentre abbondano studi focalizzati su specie batteriche isolate dal permafrost, scarseggerebbero invece ricerche simili che si concentrino sui virus, potenzialmente anche più pericolosi dei batteri.

L’argomento è fonte di dibattito all’interno della comunità scientifica, che ne riconosce da un lato l’importanza e dall’altro anche il rischio, ad esempio, che vengano liberati involontariamente nell’ambiente microrganismi potenzialmente patogeni per l’uomo o altre specie animali o vegetali. Nel caso specifico di questo studio, e proprio per ragioni di sicurezza, gli autori sarebbero andati alla ricerca specificamente di virus che interessano le amebe e non altre specie viventi.

Cosa ne possiamo dedurre

Il gruppo di ricerca è riuscito finora a caratterizzare, a partire dai campioni prelevati dal permafrost o da animali rimasti in esso sepolti, un totale di 13 virus finora sconosciuti, tutti in grado di infettare la Acanthamoeba una volta “resuscitati”. Questo, dicono gli autori, sarebbe indice del fatto che esistono ancora molti virus di cui non sappiamo nulla e che potrebbero in futuro essere rilasciati nell’ambiente. Tuttavia, non sarebbe ancora possibile stimare per quanto tempo questi siano in grado di rimanere infettivi una volta che sono stati esposti alle condizioni esterne (come la luce UV, l’ossigeno, il calore) e quanto sia probabile che incontrino e infettino un ospite adatto in questo intervallo di tempo.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Bard è il ChatGPT di Google e Baidu segue a ruota

Google e il suo rivale cinese Baidu hanno presentato a poche ore di distanza e in modo ufficiale i...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img