martedì, Marzo 5, 2024

Missile ipersonico, gli Usa lo lanciano per la prima volta da un aereo

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Gli Stati Uniti sono il primo paese al mondo ad aver lanciato con successo un missile ipersonico da un aeroplano, il bombardiere B-52H Stratofortress. Il test è stato portato a termine dopo cinque anni di ripetuti fallimenti e battute d’arresto del programma di sperimentazione, segnando un avanzamento fondamentale negli armamenti della U.S. Air force, l’aviazione militare statunitense.

Mentre era in volo lungo la costa della California, il B-52H ha sganciato un missile AGM-183A Air-launched rapid response weapon (Arrw). Una volta partito, il missile ha raggiunto una velocità cinque volte superiore a quella del suono, requisito minimo necessario per considerare un’arma come ipersonica, ha completato la sua traiettoria di volo prestabilito e ha colpito l’area indicata come bersaglio.

Fino a oggi, le armi in grado di viaggiare a velocità ipersonica sono state limitate prevalentemente ai missili balistici o semi balistici. Tuttavia, nonostante la loro velocità, le armi balistiche procedono per traiettorie a parabola prestabilite, uscendo dall’atmosfera per poi precipitare velocissimi sul loro bersaglio. Queste caratteristiche li rendono facili da avvistare, anche se comunque molto difficili da fermare.

Al contrario, i missili ipersonici non balistici sono in grado di raggiungere velocità pari o superiori ai loro omologhi. Tuttavia, anziché che procedere in una traiettoria parabolica, procedono a bassa quota, come un missile da crociera, in modo da poter effettuare manovre più difficilmente individuabili. In questo modo, tagliando il tempo necessario ai missili balistici di raggiungere l’atmosfera, i razzi supersonici sono in grado di colpire i bersagli nella metà del tempo.

Lo sviluppo di queste armi è costato al Pentagono 4 miliardi di dollari solo nel 2022, ma il traguardo di questi giorni è stato sfruttato da Washington per riaffermare la propria superiorità tecnologica e militare statunitense e della Nato su Russia e Cina, che comunque hanno compiuto ampi progressi nei rispettivi programmi ipersonici. In particolare, la Russia è l’unica potenza a possedere armi ipersoniche già operative, compresi i missili semibalistici aviotrasportati Kinzhal, impiegati anche in Ucraina.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Digital markets act, l'Europa ha una bella gatta da pelare

Da qualche giorno Facebook chiede se, per usare Messenger, gli utenti vogliono creare un profilo dedicato. Motivo? “Modifiche legislative...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img