sabato, Settembre 30, 2023

Windows 12 sarà infarcito di funzioni basate su AI

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

A dimostrazione di come Microsoft stia puntando in modo consistente sull’AI, il prossimo sistema operativo Windows 12 avrà numerose funzioni basate proprio sull’intelligenza artificiale, proseguendo il cammino intrapreso in primis dal motore di ricerca Bing con il recente supporto di ChatGPT. Il progetto è per ora noto come CorePC, per realizzare una piattaforma modulare che sia più sicura e più semplice da aggiornare adattandosi al meglio su tutti i tipi di hardware dei computer che la ospiteranno. L’uscita del sistema operativo è attesa per la metà del 2024.

Solamente tre giorni fa erano apparsi alcuni dei requisiti di sistema di Windows 12 citando per esempio una quantità minima che dagli attuali 4 sale a 8 GB, mentre lo spazio di archiviazione potrebbe rimanere sui 64 GB di Windows 11 seppur passando ai file system ReFS invece che Nfts e chissà che questa volta sia richiesta la natura ssd per la memoria. Seguendo la scia dei più recenti aggiornamenti di Windows 11, il suo successore Windows 12 Microsoft accorperà sempre più funzioni basate sull’AI sfruttando anche le capacità dei processori più moderni di Intel e Amd, con blocchi dedicati ai calcoli relativi all’intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale verrà incontro nella navigazione sul web come già si può apprezzare oggi su Bing e con il browser Edge, potrebbe assistere durante il lavoro con i software di produttività come già mostrato anche da Google con la sua suite, ma anche accompagnare l’utente nelle regolazioni del sistema e negli altri ambiti come gioco o multimedialità.

Secondo le fonti interne citate da Windows Central, gli sforzi si stanno concentrando sulla realizzazione di una variante modulare dell’os chiamata appunto CoreOS così da renderla più personalizzabile e meglio adattabile a ogni computer per hardware e forma costruttiva, inclusi anche i dispositivi meno potenti e più economici, così da montare solo le funzioni base. Questo approccio non è una novità, se ne parla da Windows 8, ma i tempi sembrano finalmente maturi anche se i principali rivali di Apple hanno sempre differenziato gli Os per i vari dispositivi dell’ecosistema: non resta che attendere la metà del 2024 per saggiare le potenzialità di Windows 12.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Green Border – Recensione

Il volo aereo che unisce la Turchia a Minsk, capitale della Bieloriussa, è prevalentemente occupato da profughi siriani e...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img