venerdì, Marzo 1, 2024

PayPal raggiunge i 10 milioni di account attivi in Italia

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

L’ultima novità in casa PayPal, per gli utenti italiani, è l’annuncio della disponibilità dell’introduzione dell’opzione di pagamento per il rifornimento tramite l’app EniLive, valida quindi nei punti vendita Eni di tutta Italia. Si tratta dell’ampliamento di una collaborazione già in corso, come dimostrava l’introduzione di PayPal nell’app del servizio di car sharing Enjoy.

Ma come sottolineato a Milano, a un incontro con la stampa promosso dal player dei servizi finanziari, l’ultima nuova è anche un buon esempio di come un’opzione di pagamento digitale sia spendibile in uno dei contesti più tradizionalmente offline della vita, come una stazione di servizio.

L’Italia è tra i dieci mercati più importanti al mondo per PayPal ma è anche quello, come indicato alla stampa da Maria Teresa Minotti, country sr director Italy, che più si differenzia rispetto agli altri mercati europei.

L’ultimo biennio ha rappresentato un periodo di novità importanti per PayPal che nel 2021 ha introdotto la modalità Paga in 3 rate e il Give at Check Out per donare un euro a fine transazione (poco meno di due milioni di euro raccolti a oggi) e nel 2022 è diventato un metodo di pagamento sull’app Io, grazie alla collaborazione con Pago Pa e PayTipper (era però già integrato nella piattaforma PagoPa). L’opzione di pagamento PayPal nell’ambito “pa” si è quindi “irrobustita”, dimostrando ancora una volta l’interesse nel presidiare aree della vita quotidiana più complesse, e in passato meno digitalizzate, andando oltre l’acquisto ecommerce standard (che resta comunque un punto di incontro fondamentale per clienti e merchant).

Maria Teresa Minotti, country sr director Italy

In Italia, al 2023, PayPal conta dieci milioni di account attivi, in un contesto dove, secondo dati Netcomm, sono oltre 33 milioni i soggetti che comprano online. Si tratta quindi di cittadini che condividono dati finanziari in rete superando quella tradizionale ritrosia che ancora oggi spinge qualcuno a evitare l’online e a puntare sul contante. Come rimarca infatti il PayPal commerce index 2022, i problemi legati alla sicurezza sono il principale ostacolo agli acquisti online in tutta la Ue e per gli italiani, nel 48% dei casi, il fattore sicurezza/fiducia è particolarmente rilevante.

Molto gradita, invece, la possibilità di dilazionare il pagamento in tre rate: secondo i dati divulgati alla stampa, infatti, quasi un terzo dei merchant PayPal in Italia è stato pagato con l’opzione Paga in 3 rate nel primo trimestre 2023. Un asset che può favorire tassi di conversione più alti (oltre la metà degli utenti abbandonerebbe il carello se non fosse presente quest’opzione) e anche acquisti più importanti, rispetto al carrello medio (nelle sole categorie presenti, perché alcune non prevedono questa opzione, come vendita di alcolici, gambling, charity). Il bnpl di PayPal va oltre l’ecommerce e può essere usato anche per pagare utenze, tasse e simili su PagoPa.

Occhio però anche al fattore indebitamento un tema, secondo Minotti, “assolutamente importante nel contesto del bnpl in generale, su cui avere un comportamento responsabile come operatore del settore. Rispetto ai clienti c’è un lavoro di analisi del comportamento d’acquisto; non tutti sono “candidabili” al pagamento in tre rate, dipende molto dalla storia e dai dati”.

In ambiti dove però il buy now pay later si afferma per necessità e non per bisogni voluttuari, “riuscire ad avere la possibilità di pagare tre rate, in un contesto economico particolare, ha dato molto trust nel brand.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Shogun, la vera storia e l'immagine di un Giappone lontano e isolato

Shōgun, alla lettera “generale”. Con questa parola in Giappone per secoli ci si è riferiti alla più alta carica...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img