venerdì, Marzo 1, 2024

Startup, 44 italiane sbarcano in Silicon Valley

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Ben 44 startup italiane stanno per sbarcare contemporaneamente in Silicon Valley. Tutto grazie al roadshow organizzato da SmauItalian Trade agency (Ita), che partirà il prossimo 22 maggio, portando a San Francisco una robusta delegazione di 154 persone. L’obiettivo dichiarato è quello di creare un ponte permanente tra gli innovatori italiani e quelli della California, il primo ecosistema al mondo, che vale duemila miliardi di dollari.

“Con Smau San Francisco vogliamo favorire la nascita di una relazione continuativa tra Italia e Silicon Valley – spiega Pierantonio Macola, Presidente di Smau -. Relazione volta alla valorizzazione delle migliori soluzioni innovative capaci di rispondere alle più grandi sfide del nostro tempo, dall’utilizzo di intelligenza artificiale e machine learning, all’efficientamento energetico, Iot, digital health, blockchain, mobilità elettrica, realtà aumentata, risk management, cybersecurity, economia circolare, supply chain collaboration e non solo”.

La delegazione italiana sarà composta anche da rappresentanti delle istituzioni nazionali e delle Regioni, in particolare Lazio, Emilia-Romagna, Marche, Puglia e Campania. Così come non mancherà anche un drappello di grandi aziende nostrane, come Enel, Eni, Edison, Intesa Sanpaolo, Snam e Terna. A testimonianza di un approccio condiviso all’innovazione, perché per cambiare le cose servono sì le idee, ma anche capitali e sponde istituzionali. Altrimenti l’innovazione rimane solo una bella parola.

Le startup

Le startup italiane arrivano da varie parti della penisola e abbracciano i settori più disparati. Per esempio, c’è la romana Bufaga che, attraverso un dispositivo installato sul tetto dei veicoli, cattura e ricicla l’aria inquinata. Da Ancona arriva Olivia che, con il suo software proprietario, fornisce previsioni di domanda per i ristoratori con l’obiettivo di ridurre al minimo gli sprechi alimentari.

Da Bari arriva Mindesk, che ha creato una piattaforma di realtá aumentata e virtuale al servizio delle aziende manifatturiere, permettendo in particolare di aprire e lavorare in gruppo su file Cad in 3D, direttamente in realtà virtuale.

La startup Mindesk: realtà virtuale al servizio del comparto manifatturiero

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Shogun, la vera storia e l'immagine di un Giappone lontano e isolato

Shōgun, alla lettera “generale”. Con questa parola in Giappone per secoli ci si è riferiti alla più alta carica...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img