mercoledì, Luglio 24, 2024

FeaturePrint, l'app per iPhone che riconosce i prodotti falsi con una foto

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

La società Alitheon ha presentato una particolare applicazione per iPhone chiamata FeaturePrint che utilizza l’intelligenza artificiale per riconoscere prodotti contraffatti soltanto con una foto, cercando di combattere il mercato nero e grigio che causa ogni anno perdite per qualcosa come 6 miliardi di euro circa (dati UN). Il funzionamento del software è molto semplice: si piazza l’iPhone su un treppiede, si piazza il prodotto da valutare a favore di fotocamera posteriore e si scatta una foto, il sistema procederà dunque all’analisi di ogni dettaglio, soprattutto quelli più impercettibili, per restituire una diagnosi sull’autenticità del prodotto in brevissimo tempo.

L’intelligenza artificiale dell’app FeaturePrint cerca i punti deboli delle imitazioni sfruttando le cosiddette impronte digitali uniche: nonostante il punto di partenza sia una foto, non si tratta soltanto di una mera comparazione di immagini con un database pronto all’uso, quanto una sorta di analisi matematica della superficie e delle caratteristiche univoche di un prodotto, senza passare dalle soluzioni attuali come adesivi, codici a barre o QR oppure chip rfid, che sono facilmente manipolabili. L’app può così agire su accessori di moda come borse o abbigliamento, orologi, numismatica, collezionismo (incluse carte Pokémon), ma anche gioielli e preziosi e componenti hardware come processori o schede grafiche.

Il video di presentazione dell’app FeaturePrint

Quindi è solo per prodotti di consumo o di lusso? Tutt’altro: l’app FeaturePrint può anche riconoscere l’autenticità di farmaci speciali, che possono avere un costo molto elevato e che spesso sono al centro di truffe che possono costare anche la vita dei pazienti. Inoltre, può validare componenti utilizzati in ambiti sensibili come quelli militari oppure di ingegneria di precisione. Per il momento non sono ancora stati diffusi dettagli su disponibilità a livello globale oppure prezzi, ma a breve il servizio diventerà pubblico.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Meta. con Llama 3.1 vuole portare l’AI nell’era dell’open source

"Credo che l'intelligenza artificiale si svilupperà in modo simile – scrive Zuckerberg nella sua lettera –. Oggi diverse aziende...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img