giovedì, Giugno 20, 2024

Intelligenza artificiale, anche il Papa chiede regole

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Ai vari appelli internazionali per creare una regolamentazione globale sull’intelligenza artificiale, si è aggiunto anche quello di papa Francesco. Il pontefice ha lanciato un messaggio ai leader mondiali e ai capi delle organizzazioni internazionali, chiedendo l’istituzione di un trattato giuridicamente vincolante per prevenire i rischi posti da queste nuove tecnologie.

Oltre all’appello diretto alla politica, Bergoglio si è rivolto anche alle società che operano nel settore, chiedendo un controllo etico degli “obiettivi e degli interessi dei proprietari e degli sviluppatori delle intelligenze artificiali”, mettendoli in guardia sui pericoli che possono comportare per “la nostra casa comune”, cioè la Terra, e “per la nostra sopravvivenza”.

In particolare, ha definito “motivo di grande preoccupazione etica” la ricerca “sulle tecnologie emergenti nel settore dei cosiddetti sistemi d’arma autonomi letali equipaggiati con l’intelligenza artificiale”, che “non potranno mai essere soggetti moralmente responsabili”. Pertanto “è imperativo garantire una supervisione umana adeguata, significativa e coerente” di questi sistemi, perché “l’esclusiva capacità umana di giudizio morale e di decisione etica è più di un complesso insieme di algoritmi, e tale capacità non può essere ridotta alla programmazione di una macchina”.

Secondo il pontefice, inoltre, l’assenza di regole condivise e universali porta con sé il pericolo di cadere “nella spirale di una dittatura tecnologica”, in cui l’intelligenza artificiale rischia di far crescere a dismisura le disuguaglianze e accentrare nelle mani di pochi “la conoscenza e la ricchezza”, con “gravi rischi per le società democratiche e la coesistenza pacifica”.

Il messaggio fa eco alle molte iniziative nazionali e internazionali portate avanti negli ultimi mesi al fine di regolamentare lo sviluppo e l’uso di queste tecnologie, come il primo vertice mondiale sul tema, l’AI summit tenutosi in Regno Unito a novembre, e la recente approvazione dell’Ai act dell’Unione europea, il primo pacchetto di regole al mondo per disciplinare estensivamente l’intelligenza artificiale, che vieta, per esempio, l’uso per la sorveglianza biometrica da parte dei governi.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Platone con Minosse o della legge è protagonista della seconda prova della maturità 2024

Nella seconda prova della maturità 2024 protagonista della versione dal greco è Platone, con un brano tratto da uno...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img