lunedì, Giugno 17, 2024

Ecobonus 2024 per comprare auto e moto a basse emissioni, come richiederlo

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Dal 23 gennaio 2024 è di nuovo possibile richiedere l’ecobonus per l’acquisto di auto e moto a basse emissioni. L’accesso ai contributi potrà essere prenotato direttamente dai rivenditori sulla piattaforma Ecobonus ed è valido per l’acquisto di veicoli di categoria M1, L1e, L7e, N1 e N2. Per ora, gli incentivi sono gli stessi previsti già lo scorso anno, ma il ministero ha fatto sapere di essere al lavoro per adeguarlo all’andamento del mercato e alle esigenze dei consumatori.

  1. Che mezzi possono essere acquistati con l’ecobonus?
  2. Chi può accedere ai contributi?
  3. Come si ottiene il contributo?
  4. Le novità

Che mezzi possono essere acquistati con l’ecobonus?

Rimangono invariate le categorie di veicoli interessate dal provvedimento, così come l’ammontare del contributo statale. Per le automobili di categoria M1, si possono ricevere fino a 5 mila euro se si acquista un mezzo da 35 mila euro, con emissioni comprese tra Euro 0 ed Euro 4 e si rottama la vecchia auto, mentre si arriva a 3 mila senza. Per i veicoli ibridi plug-in fino a 45 mila euro il contributo è di 4 mila euro con rottamazione e 2 mila senza. Mentre per i veicoli a diesel e benzina a basse emissioni il contributo è di soli 2 mila euro con rottamazione.

Per quanto riguarda ciclomotori e motocicli elettrici, la somma erogata è pari al 40% del prezzo del nuovo veicolo, fino a un massimo di 4 mila euro, con rottamazione di un mezzo da Euro 0 a Euro 3 della stessa categoria. Senza rottamazione la cifra scende al 30% del prezzo fino a 3 mila euro. Mentre per i veicoli non elettrici il contributo arriva al 40% del prezzo di acquisto ma fino a un massimo di 2.500 euro, con rottamazione sconto sul prezzo di acquisto da parte del rivenditore del 5% obbligatori.

Infine, per i veicoli commerciali N1 sono erogati 4 mila euro se la massa totale è inferiore o uguale a 1,5 tonnellate e 6 mila se la massa è compresa tra 1,51 e 3,5 tonnellate. Mentre per la categoria N2, la somma va dai 12 mila euro, per i mezzi con massa tra le 3,5 e le 7 tonnellate, ai 14 mila euro, per massa compresa tra le 7,1 e le 12 tonnellate.

Chi può accedere ai contributi?

L’ecobonus è rivolto a tutte le persone fisiche o giuridiche che intendano acquistare veicoli non inquinanti, compreso chi svolge attività di noleggio e le Piccole medie imprese che svolgono attività di trasporto.

Come si ottiene il contributo?

L’ecobonus può essere richiesto solamente dalle concessionarie registrate sul portale del ministero, raggiungibile a questo link, dove si può prenotare il contributo per il veicolo in acquisto. Una volta ricevuta la conferma della prenotazione, il rivenditore deve riconoscere l’ecobonus all’acquirente tramite la compensazione del prezzo di acquisto. In questo modo chi compra il nuovo veicolo pagherà già il prezzo scontato.

Le novità

Non è ancora chiaro quando entreranno in vigore, ma nei prossimi mesi il governo dovrebbe approvare il nuovo ecobonus, con una dote tra 900 milioni e 1 miliardo di euro. Le fasce di veicoli interessati sono le stesse attuale, ma per le prime due categorie scatterà una maggiorazione del 35% per chi ha un Isee inferiore a 30 mila euro.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Mappa, stiamo costruendo la più grande per prevedere e prevenire tutti i disastri naturali in Italia

Fragile, dai piedi d’argilla, scossa da terremoti, ad alto rischio vulcanico e soggetta a frequenti colate di fango. Questa...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img